Una donna di nome Lois Lane

Aggiornato il: 15 mag 2019

Mr. Shuster cercava una modella che posasse per un fumetto. Offriva 1,50 dollari all'ora, che per quei tempi erano una discreta somma. Così, un gelido sabato mattina del gennaio 1934 o del 1935 (nessuno sa per certo quale fosse la data precisa), Jolan Kovacs bussò alla porta del signor Shuster.


Jolan Kovacs




A Cleveland viveva anche un'adolescente di nome Jolan Kovacs. Essendo povera, voleva racimolare qualche soldo. Le era stato detto che fare la modella era un lavoro facile, quindi, nonostante fosse una ragazzina magra senza esperienza, inserì un annuncio come " attraente modella" nella sezione Situation Wanted del Cleveland Plain Dealer. Ricevette un sacco di posta, quasi tutta da uomini che volevano un appuntamento. Ma c’era anche un’altra lettera, una lettera di tipo diverso. Era di un certo "Mr. Shuster ". Mr. Shuster cercava una modella che posasse per un fumetto. Offriva 1,50 dollari all'ora, che per quei tempi erano una discreta somma. Così, un gelido sabato mattina del gennaio 1934, o del 1935 (nessuno sa per certo quale fosse la data precisa), Jolan Kovacs bussò alla porta del signor Shuster.

Uno schizzo glamour di Shuster su Jolan Kovacs

Ecco il resoconto di cosa accadde:

"Certo, gli ho detto tutta la verità. Lui mi ha chiesto: "Hai mai avuto qualche esperienza?" E io gli ho detto: "Davanti allo specchio della camera da letto" e lui ha riso. Quello fu anche l’inizio del nostro rapporto che non rimase nella sfera lavorativa. Così posai per lui, ma il costume da bagno di mia sorella era troppo grande, e così l’appuntai nella parte posteriore. Ma lui mi disse: "Non importa. Metterò un pò di più qui e un po' di più lì." Alla fine, lui ha usato il mio viso, la mia pettinatura e le mie pose, ma mi ha fatto sembrare più voluttuosa e più vecchia. Dovevo essere più vecchia."

Kovacs (che iniziò ad andare sotto il nome di Joanne Carter nella speranza che il cambio di nome avrebbe aiutato la sua carriera di modella) uscì con Joe Shuster per un po 'di tempo. Ma fu con Jerry Siegel che alla fine si sposò nel 1948, dopo che i due fecero una riunione al ballo di un fumettista. Come una festa in costume, Jolan era venuta vestita da Dixie Dugan, il personaggio dei fumetti.

Ora che era stato deciso come sarebbe stato questo personaggio, era tempo di decidere come doveva essere caratterialmente. Parte della sua personalità era già in parte decisa: sveniva sopra Superman, e non provava nessun interesse per Clark Kent, ma oltre questa base, il personaggio non era ancora sviluppato.

Glenda Farrel in Torchy Lane

L'ispirazione finale arrivò nel 1937, sotto forma di una dinamite bionda, spiritosa, con il nome di Torchy Blane. Torchy era una giornalista che risolveva i crimini, ed era stata protagonista di una serie di commedie/gialle dal ritmo incalzante, interpretata in sette dei nove film della vivace attrice Glenda Farrell. A Siegel piaceva così tanto il ritratto di Torchy Blane della Farrell, che modellò la parte dell'interesse amoroso che provava per Superman su di lei. Gli piacque anche il nome di Lola Lane, che interpretò Torchy in un film uscito proprio nel gennaio del 1937, Smart Blonde, quindi diede al personaggio il nome molto simile di Lois Lane.


Nel 1988, Siegel scrisse quanto segue [da “Happy Birthday" to Superman SHOW BUSINESS, 14 marzo]:

Lola Lane interpreta Torchy Lane

"Mia moglie Joanne era la modella d'arte originale di Joe per realizzare la ragazza di Superman, Lois Lane, negli anni '30. La nostra eroina era, ovviamente, una ragazza lavoratrice la cui priorità era fare clamorosi Scoop. Ciò che mi ha ispirato nella creazione è stata Glenda Farrell , la star del cinema che ha interpretato Torchy Blane, una coraggiosa, bellissima cronista a caccia della prima pagina, in una serie di emozionanti film. Poiché il nome dell'attrice Lola Lane (che interpretava anche Torchy) mi ha attratto, ho chiamato il mio personaggio Lois Lane. Stranamente, la caratterizzazione di Lois è incredibilmente simile alla personalità, nella vita reale, della mia adorabile moglie."

Quindi: Lois Lane = Torchy Blane

Siegel e Shuster, in seguito, crearono una serie di fumetti di breve durata su un eroe chiamato Funnyman, in cui c'è un personaggio simile a Lois Lane chiamato June Farrell.

Lois Amster

Ma quindi, se al posto di Jolan si fosse presentata un’altra donna alla porta di Shuster per posare come modella, oggi non ci sarebbe mai stata una "Lois Lane"? Successivamente Siegel ammise di aver avuto una cotta per una ragazza di nome Lois Amster. Una persona anonima, che molti sospettano di essere lui, ha scritto diverse poesie per lei su The Torch (Glenville Torch), giornale su cui Siegel scriveva prima di fondare la fanzine Science Fiction.

Un personaggio soprannominato Amster è apparso nel primo lungo episodio di Dottor Occult, Il Signore dei Vampiri (per leggerlo vai al link https://www.dossier9.net/novita-del-mese/today-in-entertainment-history ). Così, mentre Siegel ha dato il cognome a Lois Lane dopo Lola Lane, potrebbe essere che, consciamente o inconsciamente, potrebbe averle dato il nome Lois (al contrario di, Lulu o Lana) a causa di Lois Amster? Probabilmente questo non lo sapremo mai...

48 visualizzazioni