Superman: Dove eravamo rimasti

da Action Comics #05 a #11

Ricordate? Avevamo lasciato Superman su Action Comics #4 mentre s'infiltrava nei college e giocava a football dopo aver drogato un panchinaro, per svelare le tresche sottobanco del suo allenatore.

"The Big Scoop"

In Action Comics #5 si intravede per la prima volta la formula narrativa che durerà nel tempo:

1. Una crisi che manderà Superman a correre contro il tempo (in questo caso, una diga si sta rompendo, minacciando migliaia di vite umane).

2. Il lavoro di Clark come dispositivo d'innesco (l'editore del Daily Star assegnerà l'incarico a Clark).

3. Un intrigante, intraprendente Lois (lei manda Clark a caccia di una storia su un oca selvaggia, prima di correre via per fare lei l'articolo).

4. Azioni audaci (Superman insegue l'ennesima locomotiva, usa la sua forza per evitare che un ponte crolli sotto di essa e impedisce alla diga di rompersi il più a lungo possibile).

5. Recupero di Lois (la cui auto è stata travolta dalla flotta).

Mentre lui salta a casa con lei, lei lo bacia profondamente e sospira: "La prima volta che mi hai portato in questo modo ero spaventata, così come ero spaventata da te. Ma ora lo amo, proprio come amo te". Superman è disinvolto, e Clark perdona volentieri Lois per averlo ingannato.

Lois, da parte sua, fornisce il 6° classico elemento: Il rifiuto di Lois. Il che, in questa fase iniziale, è molto dura (Lois è convinta che Clark sia un "verme senza spina dorsale"). Questo episodio rappresenta anche la prima apparizione dell'outfit completo di Superman, come lo conosciamo oggi, in quanto gli stivali rosso vivo sostituiscono per la prima volta i piedi blu dei numeri precedenti.

"The Man Who Sold Superman"

Action Comics #6 offre al lettore un sacco di ammiccagioni ludiche mentre allarga la prospettiva, dandoci il primo vero scorcio del mondo intorno all'Uomo d'Acciaio, e quanto quel mondo sia desideroso di abbracciarlo. Molto prima di aver venduto il personaggio, Siegel e Shuster avevano immaginato il volto di Superman impresso su scatole di cereali e kit di modelli. In questo numero, hanno portato avanti quell'idea, minacciando inconsapevolmente l'industria artigianale che si sarebbe rapidamente sviluppata intorno all'immagine di Superman. Un truffatore, che finge di essere il manager di Superman, si presenta per incontrare Clark Kent, "mite reporter del Daily Star". L'uomo si vanta di aver concesso in licenza l'immagine dell'uomo d'acciaio per un programma radiofonico, una marca di benzina, una di automobili, costumi da bagno, palestre e diritti cinematografici. Ho anche fatto in modo che appaia nei fumetti...". Con sconcerto di Clark, il truffatore organizza un momento di incontro e di intervista con Superman. La proposta viene ascoltata da un ragazzo che origlia alla porta (il nostro primo scorcio del personaggio che diventerà Jimmy Olsen), il quale la riferisce prontamente a Lois Lane. Lei manipola Clark concedendogli un appuntamento, a condizione che lui la porti con all'intervista di Superman. Esteriormente Clark è entusiasta; interiormente, ridacchia.

Cominciano la serata in un locale notturno, dove un donna canta una canzone d'atmosfera dal titolo "You're a Superman" ( Quando Siegel e Shuster crearono questa scena nell'estate del 1938, l'idea che la loro creazione potesse saturare la cultura popolare a sufficienza da farla figurare sul testo di una canzone - anche se inventata da Siegel sul momento - era una gag usa e getta. Letto oggi, anteriormente al successo, assume tutto un altro aspetto.) Determinata a fare lei lo scoop prendendo il posto di Clark, Lois mette una droga nel suo drink. Così, quando lui finge di svenire, lei va ad incontrare il truffatore. Clark giustifica l'avventato e invadente comportamento di Lois, e Lois e Superman, insieme, sventano la truffa e l'incapace che impersonificava Superman nelle pubblicità.

"Superman Joins the Circus"


In Action Comics #7, Superman appare sulla copertina per la prima volta dal numero 1. Lo striscione che dichiarava "Superman appare in questo numero e in ogni numero"; suggerisce che gli editori stavano cominciando a capire il fenomeno nelle loro mani. In questo episodio, Superman, che indossa stivali giallo brillante a causa di un errore di colorazione. Salva un circo in fallimento unendosi ad esso.






"Superman in the Slums"

Superman non appare invece sulla copertina di Action Comics #8, c'è alcuna menzione di lui. Tuttavia, questo numero include diversi sviluppi degni di nota, tra cui la prima menzione di una superpotenza che è ormai diventata parte integrante del personaggio: il super-udito. Non si chiamerà con quel nome per un po' di tempo, e non è così potente come lo diventerà tra qualche decennio, quando Superman sarà in qualche modo in grado di sentire attraverso il vuoto sonoro dello spazio e anche di ascoltare eventi che si verificano a molti anni luce di distanza. A questo punto della storia, e' abbastanza potente da riuscire ad ascoltare i borbottii di alcuni suoi colleghi spettatori in aula, riguardo alcuni giovani uomini arrestati per aver fatto parte di un giro criminale. Superman raduna i delinquenti (liberandone alcuni dalla custodia della polizia, il che lo rendeun ricercato) e li restituisce alle case scadenti che loro chiamano casa. Naturalmente lui li tiene d'occhio, per non farli ricadere nel giro. C'è anche spazio per un suo momento di super riflessione: "Non è completamente colpa tua se sei delinquente - , è colpa di questi bassifondi, delle tue povere condizioni di vita. Se ci fosse modo di porvi rimedio, lo farei". Presto, troverà una via d'uscita. Quindi il governo ricostruisce le aree distrutte con moderni appartamenti in affitto a buon mercato, eh?";. dice, mentre demolisce un edificio con le sue mani. Quando avro'; finito, questa citta' si liberera' dei suoi pestilenti bassifondi criminali!". Le autorità chiamano la Guardia Nazionale per fermare il suo percorso di distruzione, e Superman va via. Le baraccopoli rase al suolo sono sostituite da splendide condizioni abitative", e la polizia dichiara pubblicamente guerra all'Uomo dell'Acciaio, mentre il capo della polizia dice a Clark Kent fuori dai