Mandrake Unseen

Aggiornato il: 24 set 2019

La storia segreta dei progetti cinematografici su Mandrake il Mago, svaniti nel nulla.





Con la produzione di tre film, Diabolik di Tonino Cervi, Barbarella di De Laurentiis e Mandrake di Tessari, si prepara l'avvio di un nuovo filone cinematografico, e il 4 maggio del 1965, Il Giornale d'Italia di Roma annuncia che "Il momento dei fumetti è arrivato!"

Tutto cominciò nel 1963, quando la società di produzione italiana PCM (Produzioni Cinematografiche Mediterranee) stava lavorando a un progetto cinematografico e annunciò la prossima uscita del primo film d'avventura su Mandrake.

Nel 1964 il produttore italiano, Dino De Laurentiis , fu coinvolto nel progetto. Quando David Niven e sua moglie trascorsero 10 giorni in Spagna, sul nuovo yacht di Grace Kelly e del Principe Rainier, una barca di produttori andò subito a vederlo. In un comunicato stampa del Chicago Tribune del 1964, David Niven scrive che i produttori gli penzolavano sotto il naso una super produzione di "Mandrake the Magician", e che Dino De Laurentiis avrebbe inviato il suo gruppo per parlare di una sceneggiatura. Secondo "La Stampa", Freddy Mack si trovava a Roma proprio perché doveva interpretare il ruolo di Lothar.

Alain Resnais , regista e vicepresidente francese di CÉLEG , ha affermato di essere stato ispirato dai fumetti durante la sua carriera, in particolare dal suo preferito, "Mandrake the Magician". In "Toute la mémoire du monde" (1956) si intravedono due fumetti francesi di Mandrake, e in "L'Année dernière à Marienbad" (1961) gli attori fanno uso di posture rigide e artificiali simili a cartoni animati. Durante una visita a New York nel 1964, Resnais parlò con Lee Falk e lo invitò alla prima Mostra Internazionale di Fumetti (Salone Internazionale dei Fumetti) a Bordighera (Italia). Dopo la mostra a Bordighera, nel febbraio 1965 Lee Falk trascorse ancora qualche giorno in Italia, per visitare i "Fratelli Spada", l'editore, e parlare dunque con Duccio Tessari del progetto cinematografico Mandrake.

Nell'aprile del '65, Tessari disse che il film doveva essere prodotto da Luciano Ercoli , Alberto Pugliesi e dalla Rizzoli Film. Tessari ha detto che sarebbe stato lo sceneggiatore insieme a Lee Falk, e che il film sarebbe stato elaborato a settembre. Disse che le riprese sarebbero durate quattro mesi, tra Roma, Londra, Parigi e Barcellona. Disse anche che per il ruolo di Mandrake era stato pensato David Niven, e che lui era d'accordo. Ora il progetto doveva trovare un attore sconosciuto, simile al personaggio e che potesse diventare l'interprete ufficiale per gli altri film che seguiranno sicuramente questo primo: un po 'come Sean Connery per James Bond. Secondo piccoli avvisi apparsi sui giornali statunitensi, venne chiesto a Louis Jourdan.

Nel giugno 1965 Tessari affermò che il progetto Mandrake era composto da quattro film e il primo doveva essere realizzato il prossimo settembre (1966?) . Ha detto che i contratti di David Niven non gli avevano permesso di impegnarsi per l'intero progetto e che ora stava cercando un nuovo attore per il ruolo di Mandrake. Non aveva trovato un'attrice per il ruolo di Narda , ma che gli piacerebbe che fosse simile a Joan Fontaine in "Rebecca" o in "Notorious" di Bergman. Gli abiti di Narda dovevano essere realizzati da Cardine e Chanel e con una collana di Cartier. Il ruolo di Lothar era alla fine stato assegnato a Serge Noubret.

Il primo film doveva essere ambientato ai nostri giorni. Mandrake sta rintracciando uno scienziato atomico che è stato rapito e in venti giorni molto indaffarati lo salva, prima che si verifichino complicazioni internazionali. Mandrake, più simile a uno studioso che a un mago, cita Diderot o legge Gide risolve le situazioni più rischiose con lo sguardo ipnotico. Le riprese sarebbero durate tre mesi, e si prevedeva di presentare il film, intitolato "Mandrake", il sabato di Pasqua.

Sempre nel giugno del 1965, Duccio Tessari annunciò in un comunicato stampa che presto sarebbe andato in Inghilterra: "Per cercare di trovare un attore per lanciare Mandrake nel mio film basato sulle avventure del mago dei fumetti".

Per quanto riguarda il ruolo di Mandrake, si è trattato di una sorta di comunicazione errata tra Tessari e Niven, dal momento che Niven in ottobre aveva dichiarato che avrebbe girato "Mandrake il Mago" in Europa.

Comunque, il progetto con Tessari si trasformò in qualcos'altro (vedi l'articolo meet Mandrake the Magician https://www.dossier9.net/post/meet-mandrake-the-magician ), ma Dino De Laurentiis non si arrese, e cercò di coinvolgere Federico Fellini per dirigere un film sul famoso mago dei fumetti. Quando Lee Falk era in Italia, per ricevere il "Premio alla carriera romana" a Roma e ricevere "Il premio Yellow Kid" alla Conferenza del Fumetto di Lucca nel 1971, mandò Lee Falk a Villa Borghese, dove Fellini girò le scene per "Fellinis Roma". Fellini in seguito dichiarò che voleva fare "Mandrake the Magician" come film, e che aveva parlato molte volte con Lee Falk della sua realizzazione. Fellini pensava che Marcello Mastroianni sarebbe stato un perfetto Mandrake e Claudia Cardinale un perfetto Narda. Sebbene Mastroianni volesse Catherine Deneuve come Narda. Questo cozzavo con quello che pensava De Laurentiis, che avrebbe preferito una star americana come Jack Nicholson nel ruolo di Mandrake. Questa fu una delle tante ragioni per cui non riuscirono mai ad accordarsi, anche se poi dovrà desistere e girerà Il Casanova con Donald Shuterland.

Il direttore di Vogue, Robert F. Caillé, offrì a Fellini il ruolo di editore del numero speciale del dicembre 1972. Fellini realizzò un portfolio fotografico omogeneo con Mandrake interpretato da Marcello Mastroianni e Claudia Cardinale al posto di Narda.

Nel 1978 Alain Resnais disse: "Una volta ho lavorato con Lee Falk per un adattamento cinematografico di" Mandrake the Magician ", ma non siamo mai andati molto lontano, perché non siamo riusciti a trovare il cast giusto", ricorda. "Il personaggio era un mito. L'unico attore a cui potevo pensare era Ronald Colman. Sarebbe stato perfetto per la parte." Probabilmente questo avvenne nel 1973 quando Lee Falk recitò nel film " L'An 01 "con Resnais.

Alain Delon ha lavorato a un progetto cinematografico dove doveva impersonare Mandrake, ed era previsto Cassius Clay come Lothar. In un'intervista a Sergio Leone , che aveva un progetto su un film di Phantom (ha iniziato a scrivere una sceneggiatura e a esplorare location), ha dichiarato che gli sarebbe piaciuto seguire le riprese di un un film con Mandrake.

Nel 1980 la Goldcrest Films (società di produzione e agente di vendita inglese) e la Neufeld-Davis Productions inc (USA) lavorarono a un progetto cinematografico, con Éric Rochat come produttore e Julien Temple come regista. Hanno presentato il progetto al Festival di Cannes nel 1980.

La sceneggiatura era stata scritta da Julien Temple, che immaginava David Bowie al comando. L'ambientazione era tra New York, Los Angeles e lo Yucatan.

A New York Mandrake si esibisce con i suoi assistenti, Hojo, Lothar e Karma. Tra il pubblico c'è Narda, una principessa di un piccolo regno europeo. Sta in America cercando urgentemente di raccogliere i $ 50.000.000 necessari per ricostruire il suo paese dopo un devastante terremoto. Chiede a Mandrake di aiutare la raccolta di fondi, e lui accetta di donare il ricavato del loro prossimo spettacolo di successo, che avverrà a Hollywood. Numerosi ostacoli hanno costretto Narda a firmare un accordo commerciale con un'organizzazione religiosa, il Citizens Temple of California e il loro leader, padre Bocar.

Dallo storyboard del film di Julien Temple distribuito agli sponsor di Cannes nel 1980

La Embassy Pictures commissionò la sceneggiatura a Temple, ma assunse Michael Almereyda nel 1982 per una completa riscrittura. Rifugiato al Chelsea Hotel di New York, Almereyda ha riscritto la sceneggiatura da cima a fondo in tre settimane. Ma un nuovo capo dello studio ha abbandonato il progetto prima che un regista fosse assegnato. Fernando Hesye (capo degli America Studios) dichiarò che sperava di firmare un contratto per "Mandrake the Magician" da girare negli America Studios nel 1983.

Nel 1984, il progetto del film della Goldcrest venne di nuovo magicamente avviato. Ora aveva un budget di 14 milioni di dollari e Tom Sternberg come produttore. William Hjortsberg ha scritto la sceneggiatura e Bob Swaim avrebbe dovuto dirigere il film nell'autunno del 1985 con Kevin Kline e Jeff Goldblum. Kevin Kline ha detto che era basato sul fumetto del 1940, ed era un incrocio tra "Thin Man" (L'uomo ombra) e "Raiders of the Lost Ark (Indiana Jones e i predatori dell'arca perduta").