Lo Chiamavano "Il Maggiore"

Aggiornato il: 15 apr 2019

Come un personaggio degno del migliore felluiton, sapeva passare indifferentemente dai modi gentili e garbati di un vero aristocratico, a quelli rudi e rozzi degli uomini pratici volti solo all'azione e non all'utilizzo del cervello. Chi lo conobbe non nutriva lo stesso giudizio, però tutti erano sicuri di affermare che fosse un uomo straordinario. La Storia dell'uomo che tutti conoscevano come Il Maggiore, ovvero l'Uomo dietro la nascita della Dc Comics.





Malcolm Wheeler-Nicholson, meglio conosciuto come Il Maggiore, nasce a Greeneville, Tennessee, nel 1890, in un momento in cui il mondo del passato, la Guerra Civile e le sue conseguenze, stavano lasciando il posto a un mondo di nuove invenzioni e nuove filosofie, e si guardava verso le terre a Occidente dove potevano essere fatte grandi fortune.

Suo padre, il cui cognome era Strain, morì nel 1898, dopo la nascita del suo secondo figlio, il fratello di Malcolm, Christopher. Un altro fratello, una sorella, morì nel 1894, quando Malcolm aveva quattro anni. La sua vita iniziò tra le montagne del Tennessee, dove suo nonno, il dottor Christopher Wheeler, ufficiale di cavalleria e chirurgo del Massachusetts, aveva trasferito la famiglia alla fine della guerra civile, a Jonesborough per essere esatti. Qui il Dr. Wheeler ha fondato la sua pratica medica e due giornali, l'Herald e il Tribune, ancora oggi esistenti. La madre, Antoinette Wheeler, in seguito alla morte del marito si trasferì a New York City, dove divenne giornalista, e entrò a far parte di una rivista femminile a Portland, Oregon. Allora cambiò il suo cognome in "Straham", una variante di "Strain", e, dopo aver sposato l'insegnante TJB Nicholson, che sarebbe diventato il patrigno dei ragazzi, ritornò al suo nome da ragazza e lo appose al suo nuovo nome da sposata. I fratelli furono cresciuti in "una famiglia intellettuale iconoclasta ", che ospitava spesso personalità come Theodore Roosevelt e Rudyard Kipling .

Il giovane Malcolm trascorse la sua adolescenza tra Portland, in Oregon, all'epoca un porto marittimo a malapena rispettabile, e un allevamento di cavalli nello stato di Washington, oltre il fiume Columbia. Fu in questo variegato 'salotto' che mosse i primi passi nella ricerca della scrittura e del giornalismo. Da giovane reporter era al corrente dei meccanismi interni dell'attività dei giornali e, come altri giovani del periodo, era affascinato dall'apparizione dei fumetti. Questo era un nuovo mezzo artistico e un nuovo modo per raccontare una storia.

Sebbene i Wheeler-Nicholson non fossero ricchi, Malcolm crebbe in una famiglia piena di libri, e fu grazie alla sua naturale intelligenza, all'incoraggiamento della madre, alla sua creatività e ai suoi talenti artistici, che Malcolm crebbe con un punto di vista non convenzionale, soprattutto per l'epoca.

Questa visione non convenzionale della vita venne affinata, stranamente, dalla sua carriera militare. Nel 1909, all'età di 19 anni, Malcolm fu inviato alla Manlius Military Academy nello stato di New York, diplomandosi nella US Cavalry. Alla fine della prima guerra mondiale, nel 1920, si iscrisse all'École Supérieure de Guerre a Parigi. Lì incontrò la bella aristocratica svedese Elsa Sachsenhausen Bjorkböm e, dopo un romantico corteggiamento, si sposarono a Coblenza, in Germania, sotto le spade incrociate dei suoi colleghi ufficiali. Malcom si mosse rapidamente attraverso i ranghi, diventando a 27 anni uno dei più giovani major della cavalleria. Lungo questi anni è stato in azione in Messico, inseguendo Pancho Villa, al comando della truppa K dei famosi Buffalo Soldiers della nona cavalleria afroamericana, sotto l'autorità del generale "Black Jack" Pershing. Ha poi seguito l'azione nelle Filippine combattendo il feroce Musulmano Moros, e nel 1917, quando la maggior parte dei soldati americani venivano inviati alle trincee della Francia, era in missione diplomatica come ufficiale di collegamento e intelligence presso l'ambasciata giapponese nelle sperdute lande Siberiane, per mediare nella lotta tra cosacchi e bolscevichi.

Ma da qualche tempo, il Maggiore stava diventando sempre più preoccupato di ciò che considerava come problemi amministrativi e strategici dell'esercito. Frustrato e infastidito dall'autorità della vita militare, decise di andare a testa bassa contro la disfatta, scavalcando la testa dei suoi superiori e scrivendo una lettera aperta al presidente Warren Harding. Nella lettera, Il Maggiore criticava la catena di comando dell'esercito. Fu un reato marziale per un ufficiale anora in servizio.

I giornali del giorno, incluso il New York Times, gestirono la sensazionale storia e si parlò di un'indagine del Congresso. Dato che il Maggiore era stato un ufficiale dei servizi segreti, c'erano ovvie preoccupazioni su ciò che poteva rendere pubblico. Così una notte, mentre nei bui quartieri di Fort Dix dove viveva, il Maggiore venne colpito a fuoco in testa da una guardia appostata ad una finestra del piano di sopra. Malcom rimase a sanguinare a terra per un po' di tempo (sembra un paio d'ore) prima che arrivasse qualche aiuto. Le prove circostanziali indicarono immediatamente un tentativo di omicidio. E anche il Maggiore naturalmente è sempre stato sicuro che lo fosse. In un'improbabile svolta del destino, il proiettile gli era entrato nella tempia sopra l'orecchio, mancando il cervello di poco, robe che capitano solo a Zagor.

Dopo la sua guarigione, finì sotto corte marziale, e nonostante le insistenti pressioni pubbliche da parte di sua madre contro giornali, senatori, persino della famiglia di Teddy Roosevelt, Malcom venne rimesso tra le file. Le possibilità di carriera erano definitivamente sfumate. Il Maggiore rassegnò le dimissioni nel 1923. La sua causa da 100.000 $ contro Sladen venne archiviata dalla Corte Suprema dello Stato di New York nel 1924.

Fu allora che Il Maggiore voltò decisamente pagina, e cominciò un’altra vita. Quella letteraria.

Si era già spianato la strada rendendosi conto che questa volta non l'avrebbe spuntata. Che la sua battaglia era contro un essere troppo grande rispetto a quello che aveva affrontato finora. Aveva già pubblicato con fierezza il suo primo libro ancora prima che quella brutta faccenda si chiudesse, nel 1922, The Modern Cavalry, un saggio militare. Aveva anche cominciato a scrivere fiction, tra cui il romanzo western Deathcover . Sempre nel 1922, Il Maggiore si buttò definitivamente nei racconti pulp, quello che lo consacrò tra la sfera dei prolifici autori del periodo. "Il Maggiore" divenne il suo nome di copertura quando scriveva fiction di altro genere, cioè d'avventura, a sfondo militare, storico, che andavano su riviste come Adventure e Argosy. Inoltre, da ghostwriter ha scritto sei romanzi d'avventura sull'eroe Bill Barnes per Street & Smith Publications.

Nel 1925, Il Maggiore fonda la Wheeler-Nicholson, Inc. per sindacare il suo lavoro, che includeva un adattamento quotidiano del romanzo di Robert Louis Stevenson, Treasure Island, realizzato da N. Brewster Morse. Nell'autunno del 1934, avendo visto emergere Famous Funnies (1933) e altre riviste di grandi dimensioni che ristampavano strip, Wheeler-Nicholson formò la sua società di pubblicazione di fumetti, la National Allied Publications.

Mentre alcune pubblicazioni esistenti includevano piccole quantità di materiale originale, generalmente come riempitivo, e mentre Dell Publishing aveva pubblicato un libro proto-comico di tutte le strisce originali, The Funnies, nel 1929, Il Maggiore fece ancora una volta la Storia. Produsse un fumetto intitolato New Fun: The Big Comic Magazine. Era chiamato così perché era più grande degli altri fumetti. Non solo le dimensioni erano diverse, così come le strisce ma tutti i fumetti contenuti erano completamente originali, con personaggi tutti nuovi, disegnati appositamente per New Fun.

Oltre a inserire solo strisce originali, New Fun fu anche il primo fumetto a inserire spazi pubblicitari. Era una rivista delle dimensioni di un tabloid da 25X38, di 36 pagine, con copertina non lucida, di cartoncino. New Fun # 1 fu un'antologia di strisce umoristiche e avventurose, molte delle quali Il Maggiore ha scritto da sè. Le caratteristiche includevano i fumetto animali "Pelion e Ossa", e il set del college "Jigger and Ginger", mescolato con portate drammatiche come la striscia western "Jack Woods”, "Barry O" Neill ", o come Fu Manchu. Mettere tutto il materiale originale era un'impresa rischiosa, ma il libro vendette abbastanza bene così la National Allied Publishing continuò a sfornare altri numeri. Il creatore di fumetti Golden Age Sheldon Mayer lo ricordò anni la sua dipartita: "[Il Maggiore] non fu solo il primo uomo a pubblicare fumetti ma anche il primo a irrigidire un artista per il suo assegno".

I primi quattro numeri furono pubblicati dal futuro fondatore di Funnies, Inc. Lloyd Jacquet , il quinto dallo stesso Wheeler-Nicholson. Il numero 6 (ottobre 1935) portò il debutto a fumetti di Jerry Siegel e Joe Shuster , i futuri creatori di Superman, che hanno iniziato la loro carriera con il moschettiere spadaccino Henri Duval (completando le prime due puntate prima di consegnarlo a altri) e con un antesignano indagatore dell'incubo, Dr Occult, con gli pseudonimi Leger & Reuths.

Wheeler-Nicholson aggiunse una seconda rivista, New Comics, che debuttò con una data di copertina del 1935, e vicina a quella che sarebbe diventata la dimensione standard dei fumetti della Golden Age , con dimensioni leggermente più grandi di quelle di oggi. Con il numero 12, il titolo divenne New Adventure Comics, e infine Adventure Comics con il # 32. Adventure Comics è proseguita per molti decenni, fino al numero 503 del 1983, diventando uno dei fumetti più longevi. Nel 2009, è stato brevemente rianimato con la sua numerazione originale, per poi finire di nuovo nel 2011 con il numero 529, prima del nuovo riavvio 52 DC Comics.

Nonostante l'ottimismo del Maggiore, trovare un posto nel mercato era difficile soprattutto apportando idee tanto innovative. Le edicole erano riluttanti a pubblicare una rivista di nuovo materiale non testato da un editore sconosciuto, in particolare perché i titoli di fumetti di altre società erano percepiti come di successo perché presentavano personaggi che tutti conoscevano e amavano. L'artista Creig Flessel ha ricordato che nell'ufficio della società sulla Fourth Avenue , "Il Maggiore è balzato ha fatto l'impossibile, facendo battaglie con le tipografie, le banche e altri nemici dei fumetti".

Wheeler-Nicholson ha sofferto di continue crisi finanziarie, sia nella sua vita personale che professionale. Nel 1937, in debito con il proprietario della tipografia Jack Liebowitz, e con Harry Donenfeld - distributore ed editore di riviste, Wheeler-Nicholson fu costretto a prendere Donenfeld come socio per pubblicare Detective Comics # 1. Fondarono quindi Detective Comics, Inc. , con Malcom Wheeler-Nicholson e Jack S. Liebowitz , ragioniere di Donenfeld, elencati come proprietari.

Ma Il Maggiore rimase per un anno. Sperava di risanare i debiti pregressi, ma i problemi di flusso di cassa continuarono. La pubblicazione cinquantennale della DC Comics, Fifty Who Made DC Great, cita la Grande Depressione "ad aver costretto Wheeler-Nicholson a vendere la sua attività editoriale a Harry Donenfeld e Jack Liebowitz nel 1937". Tuttavia, lo storico dei fumetti Gerard Jones, nella sua biografia rivela:

"All'inizio del 1938, Harry Donenfeld mandò Il Maggiore e sua moglie in crociera verso Cuba per "elaborare nuove idee". Quando tornarono a casa, il Maggiore scoprì che la serratura della sua porta dell'ufficio era cambiata. In sua assenza, Harry lo aveva citato in giudizio per non pagamento, spingendo Detective Comics, Inc. in fallimento. Lì un giudice di nome Abe Mennen, uno dei vecchi amici di Tammany di Harry , era stato nominato presidente ad interim della società e aveva organizzato una rapida vendita dei suoi beni a Independent News. Harry ha dato al Maggiore una percentuale di More Fun Comics come benestare, e gli ha augurato ogni bene."

Detective Comics sarebbe diventato un evento sensazionale con l'introduzione di Batman nel numero 27 del maggio 1939, ma a quel punto, Il Maggiore Wheeler-Nicholson, era già stato fatto fuori. Wheeler-Nicholson "abbandonò il mondo del commercio da quel momento in poi e tornò a scrivere storie di guerra e critiche dei militari americani", oltre a "articoli sulla politica e la storia militare".

Il Maggiore morì nel 1965 a Long Island , a New York. È stato un personaggio sconosciuto ai più, che ha ricevuto la sua prima e una onorificenza nel 2008 per la Will Eisner Comic Book Hall of Fame, a 42 anni dalla morte.

EPILOGO: Una serie di fusioni negli anni '40 portò alla creazione di una nuova società chiamata National Periodical Publications (NPP). Nel 1969 la NPP fu acquistata dalla Kinney National Company, che a sua volta fu acquistata dalla Warner Brothers-Seven Arts. Per gran parte della sua storia, la compagnia era conosciuta come DC Comics dal primo fumetto che aveva pubblicato (Detective Comics appunto), ma adottò ufficialmente quel nome solo dal 1977.


0 visualizzazioni