'Bill' & Bob - VI° Parte: Bill & Bob vs Batman

Tutto quello che c'è dietro Batman...fino ad ora! Si conclude il racconto e l'analisi di uno dei Supereroi più famosi e amati dai lettori di tutto il mondo!


La prima avventura in assoluto di Superman è stata attribuita a Jerome Siegel e Joe Shuster. Quando Bill Finger e Bob Kane vendettero la serie di Batman alla DC Comics, fu pubblicata solo con il sottotitolo di Kane. I credit sullo sceneggiatore vennero omessi. Perché? Finger era insicuro. Non era bravo a difendersi, era un insigne perfezionista con grosse difficoltà a rispettare le scadenze, e talvolta era afflitto dal blocco dello scrittore. In seguito avrebbe anche sviluppato problemi di alcolismo. Forse Finger sentiva che, dal momento che stava lavorando direttamente per Kane, non per la DC, sarebbe stato meglio tenere la bocca chiusa, incassare i suoi pagamenti e non sollevare problemi. O forse non gliene fregava nulla di comparire col suo nome su un fumetto come tanti cominciavano a fiorire all'epoca, sottovalutando il successo che avrebbe ottenuto Batman, qualunque sia la ragione, Bill Terry Finger non ricevette alcun credito ufficiale per quella storia.

Dopo "Rusty and her Pals", Bob- che ancora impiega Bill come suo anonimo (ghostwriter dallo stile semplice) partner di scrittura - crea un rapporto con Vincent Sullivan, editore di Action Comics, e vende alla DC un altro personaggio chiamato "Clip Carson" da inserire all'interno della rivista. Il personaggio è una versione di "Jungle Jim" di Raymond. La DC cominciando a farsi i soldi con Superman, e Vince cercava freneticamente nuovi "uomini del mistero" (ma cominciava a farsi strada la definizione di "Supereroi") da aggiungere alla stalla.

Un venerdì pomeriggio del 1939, Bob Kane chiese a Sullivan quanti soldi Siegel e Shuster stavano facendo con Superman. Kane rimase scioccato quando, secondo quanto riferito, l'editore gli disse che i due adolescenti nell'era della depressione guadagnavano circa $ 800 a settimana dalla loro rivoluzionaria creazione. Sullivan ha anche detto a Kane sbalordito che stava cercando un nuovo supereroe per da insierire come personaggio principale di un nuova pubblicazione, tale Detective Comics. Con le stelle negli occhi, Bob disse di avere già qualcosa in mente e che avrebbe creato quell'"uomo del mistero" che cercava entro il fine settimana.

Dato che Kane era ebreo, come consuetudine andò al Temple di Manhattan al tramonto di venerdì, tornando a casa per un periodo di riposo in cui gli era vietata qualsiasi cosa il giorno seguente. Non per essere indiscreti, ma deve per forza di cose aver utilizzato questo frangente temporale per immaginare il personaggio che sperava sarebbe potuto diventare il prossimo Super-uomo-volante.

Già. È praticamente certo che sia andata così. The Man of Steel aveva messo il mercato con le spalle al muro, con un tizio che indossva un paio di collant blu e i capelli neri. Così Kane decide di regalare al suo nuovo eroe un paio di collant rossi e capelli biondi, alla Flash Gordon (Kane era un grande amante di Alex Raymond, ma era impossibile non esserlo se si lavorava con l'Arte) oltre a una maschera da domino stile Phantom.

È infatti, imitando gli Uomini-Aquila disegnati da Raymond su Flash Gordon, che Kane gli aggiunge un paio di ali meccaniche, e che chiama la sua creazione "Birdman".

Lasciato il Temple, Bob Kane probabilmente è corso a casa per mettere le sue idee su carta. Dove ha tratto ispirazione Kane per il suo primo sketch di "Birdman"? Kane ha a lungo citato Zorro come una delle sue influenze, e una scena strabiliante nel film mostra Zorro che oscilla da una finestra all'altra sospeso su una corda. Questo memorabile momento del film potrebbe aver ispirato Kane a rappresentare il suo nuovo eroe che fa la stessa cosa.

Ricostruzione realizzata da Arlen Schumer

Il padre di Bob Kane una volta aveva impegnato il suo orologio d'oro per comprare un tavolo da disegno per suo figlio. È probabile che Bob Kane si sia seduto a questo tavolo da disegno e abbia creato uno schizzo che probabilmente assomigliava molto a quello che vi mostriamo qui accanto. La ricostruzione che possiamo vedere, ragionata e realizzata da Arlen Schumer, è apparsa per la prima volta su Comic Book Artist n. 5.

Bob Kane ha creato il primo schizzo di "Birdman" dalla sua sola, fertile immaginazione? La risposta che ha fatto la storia, come ha sottolineato per la prima

Estratto di Flash Gordon di Alex Raymond

volta Arlen Schumer su Comic Book Artist n. 5 , è che Kane ha ricalcato proprio una vignetta da una strip di Flash Gordon apparsa il 17 gennaio 1939, realizzata da Alex Raymond (immagine a sinistra)! Confrontate voi stessi la ricreazione di Schumer del disegno di Kane (sopra) con il pannello Flash Gordon (a destra), e diventa innegabile che Kane abbia trascinato la figura di Raymond - fino alla vite contorta che circonda il braccio destro di Flash, la quale diventa una semplice fune che circonda il braccio di Birdman. Con il suo disegno completato, Bob probabilmente viaggiò tutta la notte fino a casa di Bill per ottenere un contributo dal suo silenzioso, fantasmatico, partner. Finger non restò colpito dall'idea di Kane. Non credeva che un eroe chiamato "Birdman" sarebbe stato accettato come protagonista per un libro intitolato Detective Comics. Finger suggerì invece di modellare il nuovo personaggio sullo stile dei personaggi pulp alla The Shadow.

Per tutta la sua vita, Bob Kane ha sostenuto di essere stato ispirato da diverse fonti per cambiare il nome "Birdman", ma questa affermazione è un sotterfugio del tutto fallace. Come vedremo, una unica fonte ha ispirato il cambiamento del prefisso del nome del nuovo eroe da "Bird", al misterioso e notturno "Bat".

Quindi, come riportato da Steranko, Finger ricorda: "Ho preso il dizionario Webster dallo scaffale sperando che avesse il disegno di un pipistrello, e abbastanza sicuramente ho detto: Guarda che orecchie! Perché non duplichiamo le orecchie? Ho così suggerito a [Bob] di disegnare quello che sembrava un cappuccio. Avevo suggerito di abbassare il naso, di renderlo misterioso e di non mostrare gli occhi. Non mi piacevano le ali, quindi ho suggerito di fargli un mantello e smerlare il spigoli in modo che fuoriuscisse dietro di lui quando correva e assomigliava alle ali del pipistrello. Non aveva i guanti. Gli abbiamo dato i guanti."

Creato il personaggio, passiamo ad analizzare la realizzazione della copertina dell'avvento. Naturalmente copiamo la superstar del momento, ovvero Superman. La copertina del numero di Action Comics contestuale al loro progetto (il n. 7 del dicembre 1938, mostrato accanto) mostrava Superman trascinare un criminale terrorizzato per aria sopra la città. Essendo l'imitazione la più sincera forma di adulazione, Finger e Kane (o forse Kane da solo) potrebbero aver deciso che il loro nuovo eroe doveva fare esattamente lo stesso. Quindi Kane ha disegnato una scena simile, sostituendo la figura che aveva ricalcato da Flash Gordon a Superman.

Quando Bob presentò per la prima volta uno schizzo del nuovo "uomo del mistero" a Vincent, Sullivan non aveva idea che anche Bill Finger fosse stato determinante

nella creazione del supereroe, proprio perchè Bob neanche lo nominò. Perchè mai avrebbe dovuto farlo? Nella mente di Bob, Bill lavorava per Lui, non per la DC, quindi tutti i contributi che Finger fece al lavoro di Kane appartenevano a Kane. Almeno in teoria era proprio così.

Vincent Sullivan mostrò interesse per il nuovo personaggio di Bob, e Bob ha rapidamente negoziato un nuovo contratto per consegnare un determinato numero di storie di "Batman" all'anno, il tutto accreditando Kane come unico creatore. Cosa aveva reso Bob Kane un negoziatore così esperto? La famiglia di Bob Kane era ben collegata - suo zio possedeva una fabbrica di abbigliamento e suo padre era tipografo al New York Daily News - quindi il giovane novizio era mosso da esperti consigli aziendali da parte di consolidati professionisti.

Secondo Catherine Yronwode, giornalista “Kane stesso una volta mi disse che il suo primo contratto con la DC era diverso dal contratto di Siegel & Shuster su Superman, perché il padre di Kane, che lavorava nel settore giornalistico sapeva che i creatori di fumetti e gli editorialisti dei giornali avevano fatto un sacco di soldi, quindi poiché Bob non era ancora maggiorenne, aveva negoziato per conto di Bob e così ottenuto una sorta di clausola sui diritti accessori, clausola che prometteva a Bob Kane ulteriori soldi nel caso in cui Batman fosse stato usato su altri formati (film, strisce, libri, giocattoli)."

Quando Bob diede a Bill la grande notizia che la DC aveva acquistato il personaggio di Batman, e che sarebbe apparso sulla copertina di Detective Comics # 27, Bob in qualche modo trascurò di menzionare che il contratto l'aveva firmato specificando che lui, e solo Lui, era l'unico che doveva essere accreditato come creatore di Batman.

Nella prima storia di Batman in assoluto, "The Case Of The Chemical Syndicate" è accreditato esclusivamente Bob Kane, nonostante sia stato scritta da Bill Finger. O forse dovrei dire ... è stata adattata da Bill Finger. In The Steranko History of Comics, Finger ammette, "Il mio primo copione di Batman è stato preso da una storia di Shadow."

Il creatore di Shadow Walter Gibson una volta disse che Batman era "una versione ridicolizzata di The Shadow", ma all'epoca sembrava un'esternazione priva dei fondamenti logici di cui abbiamo già parlato (The Case of Chemical Syndacate e Partners of Peril).

Secondo Antony Tollin, scrittore "Il romanzo di Tinsley su Shadow menziona" pipistrello "e" pipistrelli "in ben sette occasioni. Questo è molto insolito per un romanzo di The Shadow. Bisogna davvero chiedersi quanto di questo romanzo possa aver ispirato la creazione di Batman fin dall'inizio? Voglio dire, è un po esagerato supporre che Kane e Finger abbiano avuto l'idea di Batman prima, e che sia stata una completa coincidenza che la storia che Finger ha scelto di imitare fosse relativamente agganciata ai pipistrelli."

Quindi, grazie alla scoperta di Tollin e Murray, è stato scritto un nuovo capitolo nella storia di Batman ! Non ci sono più dubbi sul fatto che la prima storia di Batman di Bill Finger sia stata adattata dall'avventura di The Shadow "Partners Of Peril" di Theodore Tinsley. Eppure questa affascinante scoperta storica non dovrebbe poter farci considerare la storia di Finger un totale plagio. Dopotutto, quella è una storia di sei pagine, realizzata senza mai sospettare che si stesse co-creando un'icona americana che avrebbe raggiunto l'indiscussa fama mondiale di oggi, e che sarebbe durata per quasi un secolo.

Batman non era l'unico personaggio indelebile che Finger creò. Ce n'erano dozzine di altri, tra cui Robin e Alfred, così come Green Lantern, continuò a scrivere oltre 1.500 storie per i fumetti. Ha anche scritto per la televisione, sia dal vivo che per i cartoni animati.

Che tipo di scrittore era Bill Finger? Sebbene perpetuamente in ritardo, Finger includeva sempre materiali di riferimento come foto o articoli di riviste per aiutare gli artisti, e si prese la stessa cura nella scelta dei nomi dei suoi personaggi.

49 West 45th Street di New York, l'indirizzo della National Allied Publications (la Dc comics), oggi rilevato dalla catena Book-Off

Dopo che la DC ha scoperto che Finger stava scrivendo lo scheletro della serie di Batman per conto Kane, lo assunsero direttamente. Come artista su Batman, Jerry Robinson ricorda, "Bill e io abbiamo iniziato a ricevere offerte da altri editori. Tutti volevano avere qualcuno che fosse associato al successo di Batman. La DC alla fine venne a sapere della nostra esistenza e che stavamo andando altrove, ci chiamarono immediatamente e ci iscrissero, e dopo di ciò lavorammo direttamente per loro e non più per Bob.

Il creatore di Doom Patrol, Arnold Drake, che era molto vicino a Bill Finger, una volta ha ricordato: “Bill aveva una grave mancanza di autostima e la compagnia lo ha sfruttato. C'era sicuramente un senso di colpa lì. Si sentirono in colpa per la sua situazione. Ma questo non li fermò, e continuarono a sfruttarlo.

"Bill era un artigiano", aggiunge Jerry Robinson. “Non poteva lasciar andare nulla a meno che non incontrasse il suo senso di perfezione. Ha davvero lavorato sulle sue sceneggiature e non era uno scrittore fluente. Alcuni scrittori scrivono molto facilmente e producono molto. Altri, alcuni dei nostri più grandi scrittori, sudano ogni parola. Bill era in quest'ultima categoria. Ha davvero lavorato sui suoi script e non è stato facile. Ha provato a fare un lavoro creativo ogni volta. Non l'hanno apprezzato. Quindi, che non avesse tenuto il passo con il ritmo frenetico delle scadenze, era comprensibile. Ma lui troppo spesso non ci riusciva... Era sempre in ritardo di un giorno, indipendentemente da quanto fosse buono il materiale che stava scrivendo. Questo lo ha ulteriormente demoralizzato."

Nonostante le sue difficoltà, Bill Finger ha perseverato, lasciando i suoi lavori in tutta l'industria dei fumetti. Ha ottenuto anche diverse linee ufficiali, tra cui una come co-creatore, con Martin Nodell (lì chiamato"Dellon"), dell'originale Green Lantern! In un'intervista di Roy Thomas a Nodell , "Bill Finger ... ha fatto la maggior parte della scrittura. Gli ho suggerito alcune idee e le ha trovate abbastanza accettabili nel lavorarle. E le sue idee erano appropriate per me, così ho scoperto che ero in grado di lavorare facilmente con lui..."

Finger ha anche scritto Batman per la TV , è autore dell'episodio doppio "The Clock King's Crazy Crimes" e "The Clock King Gets Crowned", trasmesso per la prima volta il 12-13 ottobre 1966.

Finger è stato co-autore di queste storie, interpretate da Walter Slezak come Clock King, con Charles Sinclair. Finger amava circondare Batman di oggetti enormi, macchine da scrivere giganti, colossali pattini a rotelle, o come la gigantesca trappola mortale a clessidra che Clock King usa su Batman e Robin (Adam West, Burt Ward) negli episodi della serie TV scritti da Bill. Bill Finger è anche riconosciuto come l'unico creatore di Robin, il Ragazzo Meraviglia, di Alfred, Catwoman, Pinguino, Due-Facce, e molti altri personaggi immortali divenuti di fama mondiale.

La DC rinnovò il contratto di Bob Kane nel 1968. Sebbene Kane non disegnasse più fumetti, il suo nuovo contratto affermava che tutte le future storie di Batman avrebbero accreditato Kane come unico creatore del personaggio. Bill Finger invece tornò a Washington all'inizio degli anni '70 su base autonoma, ma presto lo stress, la costante povertà e il suo problema di alcolismo si fecero sentire. Bill Finger morì nel 1974 all'età di 59 anni , sopravvissuto alla sua ex moglie, Portia, e ad un figlio.

Per contrassegnare la morte di Finger, la DC Comics ha pubblicato un'illustrazione a tutta pagina che mostra un solenne Batman sulla sua tomba , con un riverente requiem per Finger scritto col pennarello. La figura principale in questa immagine è stata originariamente disegnata da Neal Adams e ritoccata dallo staff della DC, Carl Gafford .

"Il ritocco", ricorda Gafford, "proveniva da una cover di SUPERMAN in cui Supes e sua figlia si trovano nella tomba di Lois. Credo che sia stato dal 1968 al 1969, gli anni successivi di Zio Mort (Weisinger)." Il numero 215 di Superman, presentava una storia immaginaria in cui l'Uomo d'acciaio sposava Lois Lane e avevano una figlia, ma terminava tragicamente quando Lois moriva. Sulla copertina, Superman è mostrato sulla tomba di Lois con sua figlia, Lanie. Se Man of Steel indossa un'uniforme blu, sua figlia indossa un abito blu.

Per la pagina di memoria a Bill Finger , Carl Gafford ha

trasformato la figura di Superman su questa copertina nella figura di Batman, aggiungendo un cappuccio, il simbolo sul petto di Batman, e i guanti. Ha anche cambiato la cintura di Superman nella cintura di servizio di Batman, ha rimosso la figlia di Superman dalla scena ed ha allungato l'altezza della tomba. Un requiem per Finger è stato posizionato sulla lapide.

L'affamato Bob Kane aveva a lungo insistito sul fatto che le pretese di Finger di coinvolgimento nella creazione di Batman fossero "allucinazioni di grandiosità". Kane aveva razionalizzato il suo atteggiamento affermando, con qualche giustificazione, che "Il problema di essere un ghostwriter o un artista è che devi rimanere piuttosto anonimo senza credito. Se uno vuole il merito, deve smettere di essere un fantasma e diventare un leader o un innovatore."

Bill Finger non ha mai visto il suo nome apparire in una storia di Batman di nuova uscita durante la sua vita (il suo nome apparirà invece nelle ristampe) ed ha invece rilevato l'omissione obbligatoria del nome di Bill Finger come co-creatore di Bat - una condizione su cui ha insistito Bob Kane - fino all'anno scorso, nel 2019. Anche da giovane, Kane sapeva che il cavaliere oscuro era un biglietto per la celebrità, e voleva prendersene tutto il merito. Kane non riusciva a trovare spazio per il suo problematico e talentuoso partner di pericolo, l'uomo che era la vera forza creativa dietro Batman: Bill Finger.

Ma andiamo adesso ad analizzare le affermazioni che Bob Kane scriveva a destra e sinistra, e nel suo libro autobiografico (Batman and Me), con cui dimostrava le sue 'indubbie' capacità

Come letto negli articoli precedenti, Bob disse di essersi ispirato a Leonardo da Vinci. Da Vinci fece lo schizzo che vedete a qui accanto, intorno al 1496. È vero che lo schizzo della "macchina volante" ricorda un pipistrello, ma gli schizzi analoghi che Kane disse di aver fatto nel 1934 (mostrato sotto) e nel 1938, hanno dimostrato di essere falsi datati che Kane ha effettivamente creato anni dopo.

Eppure, nonostante il fatto che Kane abbia incluso questi disegni nella sua autobiografia per “provare” le sue affermazioni, le date specificate su di essi sono state intenzionalmente falsificate. Tanto da far pensare che, riportando 1934, Bob volesse accaparrarsi non solo il primato come unico e solo creatore del personaggio di Batman, ma anche quello di essere stato il primo ad aver creato i Supereroi mascherati, anticipando la creazione non solo di Superman, ma postponendosi accanto al racconto di Siegel & Shuster che fu scritto nel 1933, ma che venne pubblicato a gennaio del 1934, di cui lui era naturalmente a conoscenza visto che lavorava nello stesso studio dei suoi esimi colleghi, Siegel & Shuster.

In “Il segno di Zorro”, il primo film di Zorro (1920), il personaggio del titolo non ha praticamente nulla in comune con Batman, tranne per il fatto che entrambi gli eroi sono mascherati ed hanno un identità segreta. Ma nella sua identità segreta, l'originale Zorro rappresentava un flop e non era un milionario playboy. E Zorro era un burlone saggio che usava una spada che somigliava poco al cupo Batman originale, vestito di nero e munito di pistola.

Bob afferma di aver visto " The bat whispers" quando aveva 14 anni. Descrive il personaggio titolare, che aveva la "testa a forma di pipistrello", il quale lo impressionò parecchio. Ma c'è un problema: L'elaborato bat-copricapo è stato visto solo nell'originale versione del film, "The Bat”. Kane affermò di essere stato però influenzato dal remake, non dalla versione originale. E nel remake il protagonista principale indossava solo un semplice cappuccio nero. Che ricordasse male?

Kane afferma anche di aver visto un prototipo del "bat-segnale" in questo film e dice: "The Bat usava questo segnale per annunciare che qualcuno sarebbe stata la sua prossima vittima". ma c'è un altro problema: nel film vero e proprio, il presunto "Bat-segnale" in realtà non annuncia nulla, non è nemmeno usato da The Bat! Risulta essere nient'altro che la sagoma di una falena proiettata dal faro di un'auto in movimento, come esplicita lla sequenza d'immagini del film riportata.

Infine, è difficile capire come anche “The Bat” - che Kane non ha mai affermato di aver visto - avrebbe potuto ispirare la creazione del fumetto Batman. Il pipistrello stesso appare solo per circa cinque minuti di tutto il film, il quale, come nei suoi due predecessori (uno spettacolo teatrale e un film muto) è un misterioso omicida che agisce con ritmo glaciale all'interno di una sala da ballo.

Chiusa la parte dei riferimenti alla creazione di Batman, passiamo alle affermazioni di Bob Kane quando dice "Nella Golden Age di Batman, scrivevo, disegnavo e inchiostravo la mia strip completamente da solo... E in verità lo faccio ancora con circa il 90% di tutte le storie di Batman. Faccio tutte le storie di Batman bimestrali e condivido il lavoro su Detective Comics con Infantino."

Cominciamo dall'inizio. Bob Kane ha disegnato la prima storia di Batman su Detective # 27, nessuno lo contesta - ma come vedremo presto, per Kane, la parola "disegnare" era intercambiabile con la parola "schizzare". Anche la seconda avventura di Batman (di cui potete vedere un estratto a destra) è stata attribuita a Kane, ma lo stile è totalmente diverso, e la storia è stata chiaramente disegnata da qualcun altro. Nessuno ancora oggi sa chi sia, e più il tempo passa più diventa impossibile scoprirlo.

All'inizio del 1940, i problemi di Kane furono risolti da uno dei suoi assistenti, il diciassettenne Jerry Robinson, che vendeva gelati in un resort quando Kane lo incontrò e lo assunse. In "Batman and Me", Kane contraddice la sua precedente affermazione e ammette, "All'inizio degli anni Quaranta, Jerry [Robinson] fu ingaggiato da me per la DC [...] gli permisero di disegnare e stampare da solo storie complete di Batman, e copertine, ma come ghost.

Alcune delle prime avventure di Batman su Detective Comics furono completate da Sheldon Moldoff e George Roussos, che disegnarono sfondi oltre a perfezionare i personaggi principali di Kane. Quindi, per riassumere, le affermazioni di Bob che ha fatto praticamente tutto da solo sulle prime storie di Batman sono evidentemente false. Ma non sarebbe potuto essere altrimenti perché il carico di lavoro era troppo per un uomo solo.

"Nessun altro che ha mai avuto importanza nella mente di Bob Kane. Le altre persone che hanno disegnato Batman - persino Neal Adams, o Frank Miller - nella testa di Bob, erano solo i suoi" ghost". L'unica cosa che era importante per Bob Kane era solo Bob Kane".
Neil Gaiman

Quando la popolarità di "The Bat-Man" è esplosa, Bob ha naturalmente assunto diversi artisti per aiutarlo a tenere il passo con la domanda. Intorno a Batman alla fine gravitarono una serie di ghost di Kane, tra cui James Robinson, Jim Mooney , Stan Kaye, Win Mortimer, Mort Meskin, Dick Sprang , Lew Schwartz, Sheldon Moldoff, Charles Paris, Carmine Infantino, Fred Ray e Jack Burnley. Secondo Mark Evanier però "Esistevano due tipologie di ghost per Bob Kane. Bob fece un contratto con la DC per fornire un certo numero di pagine al mese e assunse uomini come Sheldon Moldoff e Lew Sayre Schwartz per disegnarli. Ma la DC aveva bisogno di più pagine di Batman per quei numeri, e quindi i redattori della DC assunsero altri uomini come Dick Sprang, Jim Mooney, Winslow Mortimer e Curt Swan per disegnare storie che non andarono mai vicino a Kane o ai suoi studi. Secondo l'accordo di Kane con la DC, nessun altro nome poteva apparire sui lavori inerenti Batman, ma sarebbe sbagliato suggerire che Mooney (per esempio) fosse un assistente di Kane. Ma anche Sprang, o Infantino, o una qualsiasi delle altre dozzine di altre persone che hanno realizzato Batman."

Il "Ghosting" era (ma pare che oggi sia anche più diffusa, e ancor peggio normalizzata) una pratica comune nel settore dei comics, ma Bob l'aveva portata agli estremi. A quanto pare ogni ghost che gestiva Bob, credeva di essere l'unico ghost di Kane, questo perchè era Bob a farglielo credere. Bob Kane cavalcava l'onda, e non si ha la benchè minima possibilità di riuscire a quantificarne il suo peso specifico, la sua impronta, nella realizzazione dei comics, è certo però che Kane usasse tanti di quei fantasmi da esserne perseguitato per l'eternità!

Jerry Robinson

"Mi piaceva Bob", dice Jerry Robinson. “Era molto simpatico. Devo dire che aveva un ego piuttosto grande. Bill invece no. Era molto silenzioso, intenso, modesto e insicuro. La sua posizione nei confronti di Bob lo ha reso più insicuro, perché mentre lavorava come uno schiavo su Batman, non condivideva la gloria e il denaro che Bob iniziò a macinare."

Kane lasciò i fumetti interamente nel 1943, preferendo disegnare le strip di Batman sui quotidiani. Mark Evanier afferma: “Nel primo o nei due anni di Batman... [Kane] sembrava aver già consegnato il grosso del lavoro ai suoi assistenti, specialmente quando cominciarono le strip dei quotidiani. Bob preferì passare il tempo a scrivere su quelle. E alla fine, però non fece neanche quello... Il lavoro di Kane sulla striscia quotidiana mi è stato assegnato da Charles Paris ; la striscia della domenica era per lo più di Jack Burnley . Quindi, alla fine, Bob Kane ha intenzionalmente ridotto il suo ruolo a quello di direttore di produzione di uno studio d'arte segreto. "

È andata così: Kane ha avuto storie della DC scritte dal suo "amico" Bill Finger o da Gardner Fox . Assunse quindi altri artisti per disegnarle, e infine ha incessantemente inciso la sua firma "Bob Kane" sul prodotto finito, sostenendo a gran voce e pubblicamente che solo lui era l'unico ad occuparsene . E la DC non lo smentì mai. Forse perchè l'indifferenza avrebbe evitato di scatenare un putiferio che avrebbe fornito solo altra pubblicità a Bob.

Elizabeth Sanders in Batman Returns

"Bob è rimasto un uomo della compagnia, e loro (la DC) sono stati fin troppo clementi con lui", ha confessato anche la seconda moglie di Kane, Elizabeth. Un aneddoto per meglio comprendere il pieno controllo di Bob Kane sulla sua creazione ce lo fornisce proprio Elizabeth Kane (fu Sanders), la quale partecipò, in quanto si spacciava di essere un'attrice (all'attivo aveva solo due comparsate su una serie tv e su uno de tanti sequel di It's Alive, B-movie horror che avevano per protagonista un neonato assassino), in "Batman and Robin", "Batman Forever" e "Batman Returns". E non credo che abbia partecipato per le sue doti d'attrice, in quanto sono solo semplici e veloci camei che non sforano i 10 secondi, e soprattutto perchè non fece altro successivamente nè al cinema nè in tv. Venne associata come la moglie del creatore di Batman, e quindi prese posto in qualche documentario.

Il redditizio accordo di Kane con la DC è durato fino al 1968, quando la compagnia ha rinegoziato il contratto, e ha smesso di acquistare le sue tavole. A quel punto, la maggior parte dei ghost di Kane lavorava già direttamente per DC. Il filone del momento si era evidentemente esaurito, o addirittura gli remava contro. L'età avanzava, ma dopotutto i sogni di un bimbo capriccioso di nome Bob Kane si erano avverati. Nel frattempo infatti, il Bat-fumetto, la bat-fortuna di bat-film e la bat-serie-TV, lo avevano reso ricco e famoso quasi quanto lo stesso Bruce Wayne.


Secondo un profilo biografico sfegatato su Bob Kane, apparso nel n.1 di Batman, “Bob non era certamente un copista. Il suo lavoro mostrava una spiccata originalità e freschezza che ha attirato molti ferventi fan.”C'è solo un piccolo problema con questa affermazione.

A parte il collegamento con Partners of Peril, di cui abbiamo già accennato nel numero scorso, e la scoperta di un pò d'anni fa di Arlen Schumer sul ricalco di Flash Gordon, oggi, grazie a DSK del Blog Vallely Archives , sappiamo che diversi pannelli della prima storia di Batman di Kane sono stati presi dal lavoro di un illustratore di nome Henry E. Vallely (1886-1950).

Henry Vallely era un pittore di talento che illustratore di pubblicità su riviste femminili, periodici di cucina e libri per bambini, oltre alla partecipazione su numerosi Big Little Books. Uno di questi, "Gang Busters In Action", scritto da Isaac McAnally Gangster In Action (1938), faceva sicuramente parte della collezione del giovane Bob Kane - anche se è più che probabile che Kane abbia strappato la sua copia in modo che le sue pagine potessero rimanere piatte, rendendole più facili da ricalcare. Il che è esattamente quello che ha fatto con loro.

Ma come Vallely, ce ne sono stati tanti altri, passando per tutto quel materiale che poteva avere attinenza con le le sue storie (quindi illustrazioni da libri pulp, da The Shadow etc etc), arrivando addirittura fino al Tarzan di Hal Foster! Questa scoperta è stata sottolineata per la prima volta in "Hal Foster: Prince of Illustrators, Father of the Adventure Strip" di Brian Kane e portato alla mia attenzione da DSK degli Archivi Vallely. Kane poi ha rubato la stessa posa quando ha ricreato il famoso pannello del 1940.

Su Batman n. 1 , un altro numero interamente accreditato solo a Bob Kane, avveniva il debutto dell'arcinemico di Batman, il Joker. Chi l'ha creato? Influenzato dalla stravagante galleria dei ladri di Dick Tracy, Jerry Robinson afferma di aver inventato lui il Clown del Crimine. Il primo schizzo di Robinson del personaggio esiste ancora oggi, come mostrato nell'immagine di seguito.

Secondo Bob Kane, invece “Jerry ha disegnato questa carta dopo che Bill Finger e io avevamo già creato il Joker ... Se Jerry fosse venuto da me per primo con la carta da gioco del Joker, allora avrei disegnato il Joker nell'immagine di quella carta, invece di ispirarmi a Conrad Viedt nel film [L'uomo che ride] ".

Come mostra l'immagine a fianco, e come è ormai abbastanza noto a tutti, il Joker deve chiaramente molto all'immagine di Conrad Viedt che impersona"Gwynplaine" nel

film muto" L'uomo che ride " - ma ancora, l'interpretazione iniziale di Kane del personaggio (come si vede in Batman n. 1) È una corrispondenza quasi esatta con lo schizzo originale di Robinson !

Inoltre, lo schizzo può effettivamente essere VISTO nella prima storia di Joker! Viene presentato come la carta da gioco che il Clown Principe del crimine lascia sulla scena dei suoi omicidi diabolici. Il pannello mostrato precedentemente che apre la prima storia del Joker ("Il segno del Joker!"), potrebbe essere stato disegnato da Robinson,

Bob Kane

Ed è ormai certo che l'aspetto del Joker sia in parte basato su “Gwynplaine”, “L'uomo che ride", anche se Gwynplaine viene presentato come una figura eroica di grande tragedia e pathos. È possibile che Bill Finger e Jerry Robinson abbiano creato il personaggio del Joker innestando parti de L'uomo che ride, con un jolly da carta da gioco, e con... Bob Kane in persona ! Forse la creazione del Joker è stata la vendetta segreta di Robinson e Finger sul loro capo, avaro e rompiballe.

Jerry Robinson ricorda: “Sentivo di far parte di una squadra. Sfortunatamente Bob non la pensava così, soprattutto con Bill. Avrebbe dovuto accreditare Bill come co-creatore, perché lo so. Io ero lì. Una creazione mia e di Bill, scrisse la prima storia del Joker. Bill ha creato tutti gli altri personaggi ... Pinguino, Riddler, Catwoman. Era molto innovativo. Gli slogan, il Dinamico Duo, e Gotham City - è tutto di Bill Finger. ”

Inossidabilmente attaccati all'osso, la famiglia Kane prende le redini degli introiti e sulla lapide di Bob sigla:“Robert Kane aka Bob Kane - Dio ha donato un sogno a Bob Kane, benedetto con divina ispirazione e una ricca immaginazione, Bob ha creato un'eredità nota come Batman.

Introdotto in un fumetto nel maggio 1939, Batman è cresciuto da una piccola ghianda come icona americana. Una creazione di "Mano di Dio", Batman e il suo mondo personificano l'eterna lotta del bene contro il male, con le leggi di Dio prevalenti alla fine. Bob Kane, Bruce Wayne, Batman - sono la stessa cosa. Bob ha infuso il suo carattere di doppia identità con i suoi attributi: bontà, gentilezza, compassione, sensibilità, generosità, intelligenza, integrità, coraggio, purezza di spirito, un amore di tutta l'umanità. Batman è conosciuto come [l'essere della notte],' ma attraverso le tue azioni cammina nel fascio di luce di un potere superiore , così come il suo creatore - Bob Kane! "


Come detto fin dall'inizio, non è nostra volontà screditare nessuno dei personaggi di questa vicenda. Ma vista l'analisi che stiamo sviluppando con Dossier9, non siamo nessuno per omettere certi evidenti fatti ormai alla luce del sole. Siamo solo il tramite di una concatenazione di informazioni che naturalmente innesca il web, e abbiamo qui riportato (come in tutte le nostre indagini) i dati che abbiamo reputato attendibili, estratti da una immensa mole d'informazioni, tralasciando tutti quelli non ancora verificati, e molti anche rilevati da folle di fans esaltati che potrebbero vedere la Madonna sul riflesso di un vetro dopo che ha piovuto.


FONTI:

FONTI WEB: Intervista a Bob Kane; la lettera di Bob Kane a “Batmania”; Intervista a Jerry Robinson; gli archivi di Henry Vallely

LIBRI: Men of Tomorrow di Gerard Jones; The Shadowy Origins of Batman di Will Murray; Steranko History of Comics di Jim Steranko; Partners of Peril di Theodore Tinsley; Foreshadowing The Batman di Anthony Tollin.

23 visualizzazioni