'Bill' & Bob - III° Parte: Bill vs Bob vs Dc

Batman è nato! Lunga Vita all'Uomo Pipistrello! La creazione di Bob Kane e Bill Finger ha finalmente avuto luce all'inizio dell'estate del '39, mentre Hitler predispone le armate per invadere la Polonia. Ma, cosa si cela all'ombra delle ali del Pipistrello?..


Come già scritto nella seconda parte di "Bill & Bob", è bene ribadire che con questi articoli il Collettivo Fogliesulfiume non vuole screditare l'immagine di nessuno, ma tenderà esclusivamente a riportare notizie e informazioni che son state convalidate da più fonti, o che possano essere incrociate con altri dati in nostro possesso, affinchè ne possano confutare la veridicità. L'Agente X009 cerca di svolgere un indagine imparziale, quindi si riferirà solo alle evidenze della vicenda, lasciando ai sentito dire una rilevanza secondaria.

Bat-Man esce nel maggio del 1939 con un grande battage pubblicitario che coinvolge tutte le altre testate National. Come sappiamo, è Finger a scrivere la sceneggiatura della prima storia, "The Case of the Chemical Syndicate". Ed è lo stesso Finger, molti anni dopo, a spiegare nel libro The Steranko History of Comics, che per realizzare quel primo episodio aveva, lui dice 'imitato', una storia di The Shadow. Lo stesso Finger racconta:

"Per far decollare la mia prima sceneggiatura ho utilizzato una storia di Shadow. Perché non volevo che Batman fosse un superuomo. Volevo che Batman fosse ferito. Tutto ciò che faceva si basava sull'atletica leggera, sull'uso dell'astuzia e dell'osservazione acuta. Il nome di Bruce Wayne deriva da Robert Bruce, il patriota scozzese. Wayne, essendo un playboy, era un gentiluomo. Ho cercato un nome che suggerisse il colonialismo. Ho provato Adams, Hancock ... poi, ho pensato a Mad Anthony Wayne (famoso Generale della Guerra d'Indipendenza Americana)."

Ma se leggiamo la storia di The Shadow, "Imitare" potrebbe risultare troppo docile, mentre "plagiare" potrebbe essere troppo forte. A raccontarla tutta, questa prima storia di Batman, di sole sei pagine, seguì attentamente la stessa trama di "Partners in Peril", la storia di Shadow di cui parla Finger, che apparve nell'omonimo pulp magazine il 1 ° novembre 1936.

È interessante notare che fu Theodore Tinsley, e non William Gibson, a scrivere quella storia, sebbene lo fece sotto il nome di Gibson. Indipendentemente da ciò, la sceneggiatura di Finger seguiva quasi esattamente quella di Tinsley / Gibson / Grant. (per leggere l'articolo su The Shadow: Partners of peril clicca qui => https://www.dossier9.net/post/the-shadow-113-partner-of-perils )

Ma veniamo al punto: quanta parte di The Bat-Man proviene da Bob Kane e quanta ne proviene da Bill Finger rimane un dubbio, affascinante, punto di contesa tra storici, biografi e, soprattutto, fan dei fumetti. Cominciamo proprio dalle parole dell'uomo che viene sempre accostato a Batman quando si parla dell'Uomo Pipistrello. Nella sua biografia del 1989, Batman and Me, Kane si presenta come sempre, cioè ovviamente come ce lo si aspetta, il Principale Creatore di Batman. Ma dopo aver raccontato la Creazione, Bob aggiunge:

"Bill Finger è stato una forza che ha contribuito a Batman sin dall'inizio. Ha scritto la maggior parte delle sue più importanti storie, ed è stato influente nel definire lo stile e il genere che altri scrittori avrebbero poi emulato. Lo chiamavamo il "Cecil B. De Mille dei fumetti". Potrebbe scrivere una sceneggiatura dal particolare di una fotografia di un oggetto, di qualsiasi cosa - dalla Statua della Libertà, da una macchina da scrivere gigante o da una per cucire - lui potrebbe genererarci il soggetto per una storia. Ovvero la base attorno al sostegno. Diceva che era grandioso avere figure minuscole che combattevano su quei giganteschi oggetti di scena. Era un bravo scrittore di mistery a causa del suo interesse per i pulp. Quando ho creato Batman per la prima volta era un supereroe-vigilante. Bill lo trasformò in un detective scientifico." Peccato che quando Bob scrisse questo, Bill fosse già morto da quasi 20 anni (1974).

Ma nonostante gli elogi per il suo ex collaboratore, Kane notò anche che Finger era quasi sempre in ritardo, e in ritardo con incarichi, spesso "stagnanti, pieni di scuse". Kane credeva, in definitiva, che Bill fosseun personaggio depresso e patetico, amaro, che non era riuscito a farsi un nome più grande per sè stesso. Sotto forma di scuse per non aver dato maggior credito a Finger durante la sua vita, Kane scrive:

"Ora che il mio amico e collaboratore di vecchia data se ne è andato, devo ammettere che Bill non ha mai ricevuto la fama e il riconoscimento che meritava. Era un eroe sconosciuto. Dato che è entrato nella strip dopo che avevo creato Batman, non ha mai avuto una collegamento. Solo più tardi, negli anni Settanta, dopo che non stava più scrivendo la striscia e alcune delle sue storie furono ristampate, ricevette credito. Non ho mai pensato di metterlo in mezzo, e lui non non me lo aveva mai chiesto. Dico spesso a mia moglie, se potessi tornare indietro di quindici anni, prima della sua morte, vorrei dirgli: “Ora ci metto il tuo nome. Te lo meriti. ”Oggi mettono il nome di tutti su una striscia, anche dei letteristi, dei coloristi e degli inchiostratori. Ma ai primi tempi, solo i creatori mettevano i loro nomi sulle strisce, indipendentemente dal fatto che fossero ghost. Superman , per esempio, portava i nomi di Siegel e Shuster perché entrambi avevano collaborato alla sua creazione." In modo abile, come aveva dimostrato di essere Bob, stava dando del credito a Bill Finger, ma senza tuttavia accrescere la propria immagine.

Quando Kane e Finger si incontrarono per l'ultima volta nel 1974, Kane pensava che fosse terribile. Riflettendo, temeva fosse stato, "un grande talento sprecato".

Pur mantenendo fede alla storia che lui, Kane, avesse creato il Bat-Man, le sue riflessioni del 1989 contraddicono gran parte di ciò che aveva detto pubblicamente mezzo secolo precedente. Nel numero di novembre-dicembre 1946 di Real Fact Comics— Una sorta di pubblicità interna che la DC che distribuiva pubblicamente — l'autore, presumibilmente lo stesso Kane, raccontò in un opuscolo “La vera storia di Batman e Robin”, affermando di essere stato l'unico creatore di Batman, Robin e Joker. Il fumetto termina con Batman e Robin, in piedi piccoli ma orgogliosi sulla scrivania dell'artista, affermando: "E, grazie, Bob Kane, per averci portato in vita!"

Questa storia della creazione aveva comicniato a rompersi nella metà degli anni '60. Per la prima volta in stampa, la DC Comics riconobbe il ruolo di Finger nelle sue pubblicazioni. Fu all'inizio del 1964. "Rinvigorito dalla nostra politica del "New Look, Bob Kane, il creatore di Batman, ha creato uno straordinario lavoro artistico per" Gotham Gang Line-Up, ”Ispirato alla sceneggiatura dall'operato di Bill Finger, il quale ha scritto la maggior parte delle classiche avventure di Batman degli ultimi due decenni." Sebbene avesse nominato nuovamente Kane come il creatore, era la prima volta che la DC riconosceva apertamente il ruolo di Finger. In realtà questo "New Look" faceva parte della strategia DC per allontanare Kane, che, tranne qualche attimo felice, era considerato molto più un ostacolo che un aiuto visto che tirava solo verso il suo mulino a discapito di tutto il resto.

Carmine Infantino ricorda che nel 1968 Bob Kane era dato per spacciato: “Kane era finito. Ma nel vecchio contratto, aveva il diritto di fare ancora così tante pagine... Il contratto prevedeva che venisse pagato per un bel pò di tavole, e questo era il mio modo di sbarazzarmi di lui alla fine. ”

Carmine Infantino

”Per rimuoverlo, la DC dovette pagare un prezzo altissimo. “ La DC gli ha pagato un sacco di soldi per andare via, e ha avuto artisti migliori e più affidabili per disegnare Batman una volta che Kane non era più sotto contratto. ”Non so quanto sia da tenere in considerazione l'asserzione di Infantino che sottolineava come Kane, sotto i suoi occhi, non avesse mai disegnato nulla. Ma se lo dice Carmen Infantino, un certo peso, e soprattutto un motivo per dire una cosa tanto grave sull'uomo che asserisce di aver inventato una delle icone pop del secolo, dovrà pur esserci.

E Infantino continua: "Quando gli veniva chiesto di disegnare qualcosa, aveva sempre una scusa per ritardare di un giorno o due, assumendosi presumibilmente il lato artistico. Ma fingere di aver fatto Arte da solo è costato tempo prezioso per tutti i soggetti coinvolti. Kane era diventato nient'altro che uno scherzo negli uffici della DC, nessuno ha mai avuto rispetto per lui, o il suo contributo originale. E quando Kane esitò, l'editore Julie Schwartz rispose con crudele finalità: "Sai che ti stiamo salvando il culo.""

Le parole di Infantino sono dure e cariche di rabbia. Al contrario di Siegel & Shuster, Bob Kane fu molto scaltro nel dialogare con la Dc fin da subito, probabilmente grazie al fatto che suo padre lavorava per il New York Daily News e aveva una conoscenza approfondita delle conseguenze legali della creazione di personaggi per un potente sindacato. Munito con consiglio di un avvocato, Kane apparentemente ha negoziato un contratto con la Dc Comics che lo ha mantenuto profondamente intrecciato nell'impresa creativa e finanziaria di Batman per i quattro decenni successivi.

Riuscì a battere un colosso editoriale che si era sempre imposto a sua volta, legalmente, facendo costringendo intere case editrici a chiudere o a cambiare nome. Ma Bob Kane era ben oltre qualsiasi aspettativa. Infatti, beffa delle beffe, riuscÌ a far rispettare i propri Diritti su un opera (Batman) che di lui, per quanto ne dovesse essere il creatore ufficiale, non solo disegnatore, non sapremo mai determinare quanto ci fosse, ma pare ci sia davvero ben poco. Certo, poco rispetto a quanto sia stato millantato da Bob per mezzo secolo, ovvero la completa totale creazione. Certo, ha sicuramente coadiuvato e organizzato uno sviluppo grafico, anche se non è facile capire in che termini. Non sappiamo neanche se l'abbozzo di progetto che Bob fece vedere a Bill all'inizio del '39 fosse un parto della sua fantasia, o il progetto di qualche ghost che lavorava per lui. e nostro malgrado credo potremo non scoprirlo mai più.

Nel 1965 uscì una fanzine, Batmania, che lottava la battaglia di Finger. Al'interno l'editoriale era provocatoriamente intitolato "If the Truth Be Known: A Finger in Every Plot," l'articolo di Jerry Bails affermava: "Bill è l'uomo che per primo ha messo le parole in bocca al Guardiano di Gotham. Ha lavorato fin dall'inizio con Bob Kane nel plasmare e rimodellare il primo personaggio in costume, davvero mortale, nel regno dei comics. La maschera e i dialoghi che danno origine alla forma finale del famoso costume di Batman. Le pose d'azione dei primi Batman che Bob ha eseguito così bene sono state molto spesso suggerite da "idee" fornite da Bill Finger. L'idea più famosa di tutte, nell'episodio "The Man Who Laughed", diede origine al famigerato Joker. Bill ha anche creato tutti gli altri personaggi principali e secondari della prima serie: Robin, il commissario Gordon (che è apparso fin dalla prima storia di Batman), Alfred, il Pinguino e Catwoman.

Nel caso improbabile che il lettore possa aver perso il punto, Bails conclude il pezzo gettando il guanto. "Quando i fan chiedono un ritorno ai primi tempi, a quando Batman era un uomo misterioso che combatteva gli inferi, chiedono a gran voce un ritorno di Batman come creato da Bill Finger!"

Bob rispose immediatamente: "La Verità: tutte stupidaggini! (...) Io, Bob Kane, sono l'unico creatore di" Batman! (...) Ho creato "Batman" nel 1939, se la memoria non m'inganna, su Detective Comics con una storia di sei o otto pagine, e ho firmato la prima striscia, come Robert Kane ".

"Se Bill Finger ha detto diversamente," Kane ha continuato, "dovrebbe ripetere quelle dichiarazioni davanti a me" in quanto sono "fraudolente e del tutto false". Inoltre, ha affermato, ho concepito io ogni aspetto di Batman: "Il titolo, la testata, il formato e il concetto, nonché come la figura e il costume di Batman. Robin, il ragazzo meraviglia, era una mia idea ... non di Bill." Finger, ammise in extremis Kane, avrebbe potuto aver messo il dito su alcuni personaggi molto secondari, ma nulla di essenziale per il Mito generale. Poi, ancora furioso, Kane urlò che avrebbe dovuto fare causa all'autore, Jerry Bails.

La controversia si protrasse anche dopo il 1965, e in molti continuarono a chiedere chi avesse creato cosa. Finger morì nel 1974, e molti nel mondo dei fumetti restano ancora a strenua difesa di Bob Kane.

Stranamente, la DC ha diretto un fumetto, due anni dopo la morte di Finger, dove lo derideva. Intitolato "Through the Wringer", la storia, scritta da David V. Reed, descriveva la vita di Bill Finger (chiamato Phil Binger) come un manipolatore e un fannullone. Un auto-promotore che affermava di essere sempre uno "scrittore di prima mano". L'unica cosa che "ha scritto" bene erano le bugie e le scuse per i suoi fallimenti. In modo alquanto malvagio, la storia suggeriva persino che la morte di Finger potesse essere semplicemente l'ennesima scusa per i suoi numerosi fallimenti. La storia terminava con il diavolo che suona un violino...

Bat-Man decollò immediatamente fin dal suo primo esordio, nel giro di un anno ottenne anche un book dedicato esclusivamente alle sue avventure (perdendo il trattino "-" in mezzo al nome), pur continuando ad essere sempre il protagonista di Detective Comics, ed a partecipare ad un'altra serie nell'antologia, World's Finest. E Bob Kane ha rapidamente preso il suo posto tra i creatori di fumetti seminali, marchiando ogni nuova avventura con la sua firma idiosincratica.

Kane aveva un'antipatia intrinseca di condividere il palco, mentre il suo collaboratore, Bill Finger, era introspettivo e autolesionista. A Finger sembra non importare che il suo compagno si prenda il merito per le trame e la mitologia che lui stesso ha aggiunto a Batman.

L' illustratore di Batman, Carmine Infantino, non disdegnò di lanciare pesanti accuse anche contro Finger. “Bill era davvero un truffatore a modo suo. Aveva sempre un disperato bisogno di soldi, e, oltre a chiedere soldi agli altri, si lamentava spesso della sua ex moglie e di suo figlio. "

Tuttavia, fin da quando la controversia è emersa la prima volta nel '64, molti studiosi e scrittori hanno riconosciuto Batman come co-creato da Kane e Finger. Jim Steranko, dichiarò apertamente nel 1970 che Batman era "la progenie di Bob Kane e Bill Finger". Steranko, tuttavia, non menzionò mai la controversia e dichiarò solamente che Finger era il co-creatore. Nelle sue memorie, Julius Schwartz, redattore di fumetti di lunga data, ricordava che Kane era famigerato per aver coltivato il suo lavoro con gli altri, ma rivendicava sempre il lavoro come suo. Una volta, quando Schwartz aveva richiesto a Kane di ridisegnare alcune migliori pose d'azione di Batman, "la sua capacità è tornata, ma chiaramente non era stata fatta da Kane."

A suffragare la scarsa capacità di Bob Kane, c'è un video su youtube, in cui si diletta in uno schizzo di Batman sotto le telecamere, e sotto gli occhi di uno sbigottito Stan Lee che non fa altro che punzecchiarlo (forse perchè anche Lui conosce la nomea di Kane). C'è pure un imbarazzante momento in cui va fuori dal foglio...

D'accordo, la DC ha dovuto pagare Kane per tutto il lavoro, ma Schwartz non voleva fargliela passare tutta, e decise di interrogarlo faccia a faccia sulla questione. Dopo qualche discussione, Kane ha finalmente ammesso di aver assunto qualcun altro per rielaborare i suoi disegni a causa della sua "mancanza. . . . di. . . . . talento"[ Julius Schwartz e Brian M. Thomsen, A Man of Two Worlds: My Life in Science Fiction and Comics (New York: Harper Collins, 2000) ]

Anche Thomas Andrae, coautore dell'autobiografia di Kane, ha scritto che "è stato Finger a fare di Batman un grande detective, e che lui ha scritto quelle che sono forse le storie che hanno tracciato il genere dei Supereroi.”

Kane è morto nel 1998, ma la DC non ha mai accreditato a Finger alcuna creazione ufficiale di Batman fino al 2016, ovvero quattro decenni dopo la morte di Finger, e quasi due dopo la morte di Kane. La DC oggi nomina Batman come creato da "Bob Kane con Bill Finger".

Nel settembre 2015, la DC Comics ha rilasciato questa dichiarazione a The Hollywood Reporter: “DC Entertainment e la famiglia di Bill Finger sono lieti di annunciare di aver raggiunto un accordo che riconosce il contributo significativo di Mr. Finger alla famiglia di personaggi della serie Batman. "Bill Finger è stato determinante nello sviluppo di molti degli elementi creativi chiave che arricchiscono l'universo di Batman, e non vediamo l'ora di cominciare a costruire sul nostro riconoscimento del suo ruolo, particolarmente incisivo per la storia della DC Comics", lo disse Diane Nelson, Presidente di DC Entertainment.

Come parte del nostro riconoscimento a tali contributi", ha continuato Nelson, "siamo lieti di confermare oggi che Bill Finger sarà nei credits della serie televisiva della Warner Bros, Gotham, a partire dalla terza stagione, e anche nel film Batman vs Superman." Ed infatti in entrambi i progetti figura finalmente il nome di Bill Finger nei titoli di coda.

Ma ancor prima, la DC Comics aveva già dato a Finger maggiore visibilità e credito nella riedizione del primo fumetto di Batman, Detective Comics 27, per il settantacinquesimo anniversario del personaggio. La DC ha inserito Finger nei credits in copertina. E a partire da novembre 2015, la DC ha iniziato a scrivere "Batman creato da Bob Kane con Bill Finger" su tutti i fumetti relativi a Batman.

Non possono esserci naturalmente scuse per Kane che ha mentito nella sua lettera aperta del 1965, o per aver confuso la verità nella sua autobiografia del 1989, c'è una certa difesa dell'uso esclusivo del suo nome quando ha a che fare con Batman. Purtroppo, uno stato così confuso non permette di avere certezza (come almeno possiamo averne su Superman) su chi ha creato chi, e come è stata gestita la parte embrionale del personaggio. In un mondo di pseudonimi, imprenditoria artistica e studi personali, una persona potrebbe anche servire come nome pubblico per altre tre o quattro persone. E una persona potrebbe persino scrivere con una grande varietà di nomi che neanche ci immaginiamo, mantenendo così intenso l'interesse per il suo lavoro. Gli scrittori che cercavano di fare carriera a New York City erano legioni a causa dell'intensa competizione nei pulp e nelle slick (riviste), mentre i buoni artisti erano relativamente rari. New York, ovviamente, ospitava innumerevoli artisti eccellenti e un numero altrettanto numeroso di artisti commerciali, ma i fumetti richiedevano artisti che non solo comprendevano i limiti e la fisica della forma umana (ed extraumana), ma che potevano produrre un'enorme quantità di arte con relativamente accettabile e coerente qualità. Lo stesso valeva anche per i redattori, che spesso servivano da figure vitali nella creazione e nella manutenzione di pubblicazioni. Durante gli anni '30, forti redattori hanno creato, contrastato e rotto la carriera di molti scrittori. Quando apparve Superman i redattori pulp erano in una posizione di forza, gli scrittori in una debole e gli artisti in una nuova e precaria. Mentre si trovavano in una posizione relativamente buona per capitalizzare il nuovo mercato dei fumetti di supereroi, gli editori, i redattori e gli scrittori pulp devono ancora creare e poi navigare nel nuovo mercato.

Non sussistono prove, per esempio, che Kane trattasse i suoi dipendenti - i suoi "ghost-artist", come a volte si riferiva a loro - male. "Ho lavorato per Bob Kane come ghost dal '53 al '67", ha ricordato Sheldon Moldoff. “ La DC non sapeva che ero coinvolto; quello era un accordo stretto con Bob." Come ricordava Moldoff, Kane gli disse:" Fai il lavoro e non dici niente, Shelly, e avrai un lavoro costante. Certo, Moldoff è stato uno che è rimasto fedele a Kane e al loro accordo, grato di avere così tanto lavoro, notando che all'epoca il denaro significava più del credito. Certo, ha osservato, Kane non è mai stato un grande artista, però "ha impartito un certo sapore e sentimento".

Alla fine, però, Kane ha tradito anche Moldoff, licenziandolo nel 1967 dopo non essere riuscito a mantenere diverse promesse riguardo a possibili progetti televisivi. Quando Kane e Moldoff si separarono nel 1967, Kane non solo non contattò mai più Moldoff, ma lo lasciò completamente fuori dalle sue memorie. Kane aveva persino assicurato a Moldoff di essere il suo "migliore amico".

Durante l'ascesa dei pulp, era abbastanza comune per gli autori scrivere e pubblicare con uno pseudonimo o un nome reale comuni. Che si trattasse degli Hardy Boys con Franklin W. Dixon o The Shadow sotto Maxwell Grant, molti artisti e scrittori servivano essenzialmente come "negozi". Ad oggi, per esempio, sebbene Tom Clancy sia morto, il suo nome appare come autore principale in tutti i romanzi che trattano del suo universo immaginario, sebbene Mark Greaney ha ereditato la responsabilità primaria di Jack Ryan e della sua vita e dei suoi tempi immaginari. Inoltre, non sarebbe troppo complicato confrontare la situazione con la bibita gassata, comunemente definita genericamente in tutto il Medio Oriente americano come "Coca-Cola" o macchine fotocopiatrici chiamate "macchine Xerox".

Alla domanda sul rapporto di Bob Kane e quelli che ha assunto, Vincent Sullivan ha risposto, dicendo: “Non ricordo. Da quel momento, molti ragazzi avevano i loro disegnatori". Inoltre, ha affermato, qualunque cosa avrebbe potuto dire a Kane per incoraggiarlo a creare Batman, alla fine si preoccupava esclusivamente della qualità del prodotto finale. "Se il prodotto finito è stato assemblato da due o tre persone, a me non importava purché fosse un prodotto di bell'aspetto". Nel bene e nel male, questa era semplicemente la convenzione del tempo.

Tuttavia, qualunque scusa si possa apporre per il comportamento e le decisioni commerciali di Kane, ha comunque terminato la sua carriera nei fumetti con una pessima reputazione, come notato sopra. Coloro che lo conoscevano, per la maggior parte, lo credevano un hacker privo di talento, un imbroglione, la cui unica vera abilità era la manipolazione. Per questo, a metà degli anni '60, la DC era più che pronta a buttarlo fuori, pagandogli persino un milione di dollari per farlo uscire tranquillamente.

Nel frattempo, per i suoi meriti e apparentemente senza consulenza legale, Batman è emerso come l'altro pilastro della comunità DC Comics; il suo set di abilità sviluppato da solo e la sua persona crepuscolare erano il complemento perfetto per l'impervia fiducia di Superman e l'ottimismo dai colori vivaci. Rappresentavano gli stessi mondi pulp che avevano rispettivamente The Shadow e Doc Savage: buio e luce, mistero e azione. Come disse Neal Adams: "Nel giro di un anno avevi Superman, che era così potente da poter muovere i pianeti, e poi avevi Batman che non aveva alcun potere; era il contrario. Tutti gli altri supereroi si sarebbero inseriti tra questi due personaggi. Superman e Batman erano dei tag-team, appollaiati in cima all'Olimpo dei fumetti: hanno ispirato centinaia di personaggi, personaggi che, a loro volta, avrebbero ispirato l'immaginazione di milioni di americani, giovani e meno giovani."


26 visualizzazioni