Cronologia Storica

1935

Da cellulare, i-pad e tablet: cliccando al centro della tavola, il fumetto si aprirà a tutto schermo e basterà scorrere il dito sul fumetto per spostarsi avanti e indietro.

Buona Lettura!

aLTER-Ego

Continua il racconto sulla genesi del Supereroe più famoso e Super di tutti i tempi: Superman. Siegel & Schuster si chiariscono e decidono che dovranno collaborare tra loro se vogliono raggiungere i propri obiettivi.

Una notte, Siegel ebbe difficoltà a addormentarsi. Mentre giaceva a letto, la sua mente in costante attività iniziò a formulare idee per nuovi personaggi, assemblandoli tra loro. Appena un idea gli balzava in testa, si alzava dal letto e la scriveva. Lentamente, un personaggio prese forma nella sua mente. 
Come lui e Shuster, questo personaggio avrebbe un apparenza mite e insignificante. La gente lo ignora per lo più, e talvolta lo guarda persino con disprezzo. Le donne poi, neanche a parlarne… Ma Lui però ha un segreto: l'apparenza senza pretese è solo un'illusione. In realtà è tutto l’opposto: è super-forte, super-veloce, super-intelligente, super-bello, è super-tutto, è Super. L’aspetto mite e occhialuto è solo un modo per lui di passare inosservato e condurre una vita normale quan-

do non è in procinto di azioni eroiche. Dopotutto, chi sospetterebbe mai che questo uomo timido, apparentemente ipovedente, un uomo qualunque, potrebbe compiere imprese eccezionali che farebbero impallidire Tarzan?

In un intervista, Siegel spiega: "Vedi, Clark Kent è cresciuto non solo per la mia vita privata, ma anche per quella di Joe. Come studente di scuola superiore, pensai che un giorno sarei potuto diventare un giornalista, e ho avuto una cotta per diverse ragazze attraenti che, o non sapevano che esistevo, o che non gli importava della mia esistenza. In effetti, alcune di loro sembravano proprio volere che non esistessi. Mi è venuto in mente: e se in realtà fossi un uomo eccezionale? E se avessi qualcosa di speciale, come saltare sopra edifici, o lanciare auto in giro, o qualcosa del genere? Allora forse si accorgerebbero di me. Quella notte, mentre mi venivano in mente svariate idee, pensai che Superman potesse avere una doppia identità, e che in una delle sue identità potesse essere mite e gentile, come lo ero io, e indossare gli occhiali, come faccio io . L'eroina, che immaginai fosse una giornalista, avrebbe pensato che fosse una specie di verme; mentre invece sarebbe pazza di questo Superman in grado di fare cose favolose. Un grande motto che girava negli uffici era che il tipo di cui era innamorata pazza era anche la persona che odiava. Per coincidenza, Joe era una copia carbone (di me).

 Il mattino dopo aveva scritto una grande quantità di materiale, e in uno stato di eccitazione, corse per nove isolati fino alla casa di Shuster. I due, entusiasti, si misero subito al lavoro per visualizzare e sviluppare ulteriormente questa nuova versione di Superman.

Da grandi appassionati di cinema, si ispirarono ai loro film preferiti per porre le basi del progetto. In particolare quelli di Douglas Fairbanks, star di molti film d'avventura.

"Nei film muti, il mio eroe era Douglas Fairbanks Senior," racconta Shuster, "che era molto agile e atletico. Quindi penso che potrebbe esserci stato d'ispirazione, anche nel suo atteggiamento. Aveva una posizione che usavo spesso per disegnare Superman. Vedrai in molti dei suoi ruoli - incluso Robin Hood - che è sempre rimasto con le mani sui fianchi e con i piedi divaricati, ridendo - senza prendere sul serio nulla.  Clark Kent, suppongo, aveva invece un po 'di Harold

Lloyd in lui.” Dire che l'alter ego di Superman aveva "un pò 'di Harold Lloyd in lui" può sembrare un eufemismo. Lloyd, uno dei migliori comici dell'era del muto (al fianco di Buster Keaton e Charlie Chaplin), era noto per il suo personaggio da "occhiali", tenero e dolce diseredato. Alla fine della maggior parte dei suoi film, l'umile eroe di Lloyd trovava il coraggio di opporsi ai suoi oppressori, e spesso finiva per esibirsi in acrobazie così spettacolari come penzolare dal quadrante dell’orologio di un grattacielo. Può darsi che l'intera idea della personalità di Superman, che passa da modi gentili a coraggiosi secondo la situazione, sia dovuta più che poco a Lloyd. Nelle parole di Siegel: "E anche, indossare occhiali dà l'impressione di mitezza e dolcezza, in Harold Lloyd.  L'influenza di Harold Lloyd e dei suoi film è evidente. Eravamo entrambi suoi grandi fan, e in particolare amavamo quelli in cui Harold Lloyd sarebbe partito come una sorta mammone, per essere buttato per strada, preso a calci, trattato come immondizia, e che all'improvviso si sarebbe trasformato in un turbine da combattimento."

Un'altra ispirazione è stata Popeye, che aveva già partecipato a numerosi cortometraggi animati. Siegel pensava che il tipo di superumanità che Popeye esercitava normalmente per l'effetto comico potesse funzionare anche per un personaggio serio. Alla fine il cerchio si chiuse nel 1944, quando Superman si scontrò con Braccio di Ferro in un famoso cartone animato di Popeye, dal titolo She-Sick Sailors.

Jerry ha creato tutti i nomi. Siamo stati grandi fan del cinema e siamo stati ispirati molto dagli attori e dalle attrici che abbiamo visto. Per quanto riguarda Clark Kent, ha combinato i no-

mi di Clark Gable e Kent Taylor. E Metropolis, la città in cui operava Superman, proveniva dal film di Fritz Lang, che entrambi amavamo. Siegel ha anche demolito la sua storia sul viaggio nel tempo a favore di un'altra. Per la seconda versione di Superman (The Superman), si era ispirato a Tarzan. Per questa terza versione, si rivolse a un altro personaggio di Edgar Rice Burroughs. Prima di scrivere le avventure dell'eroe della giungla, Burroughs aveva fatto il suo esordio letterario nel 1912 con la rivista serializzata Under the Moons of Mars  (in seguito pubblicata leggermente ampliata e in forma originale come A Princess of Mars). In questa storia, l'ex soldato della Guerra Civile John Carter viene trasportato sul pianeta Marte (o, come lo chiamano i suoi abitanti, Barsoom). A causa della bassa gravità di Marte, Carter può saltare enormi distanze ed eseguire grandi prodezze di forza e agilità. Siegel in seguito ha dichiarato quanto segue dell'influenza dei libri di John Carter su Superman: "Non penso che abbiano avuto molta influenza su di me quando ho scritto Il regno del superuomo . Tuttavia, quando feci la versione nel 1934 (che anni dopo, nel 1938, fu pubblicata, in forma rivista, in Action Comics n. 1 ) le storie di John Carter mi influenzarono. Carter fu in grado di saltare grandi distanze perché il pianeta Marte era più piccolo del pianeta Terra; e aveva una grande forza. Ho visualizzato il pianeta Krypton come un enorme pianeta, molto più grande della Terra; quindi chiunque venisse sulla Terra da quel pianeta sarebbe in grado di saltare grandi distanze e sollevare grandi pesi."

Ci sono altre cose sulle ispirazioni di Siegel per Superman ma che restano avvolte nel più fitto mistero. Una faccenda intrigante quanto la genesi di un Supereroe riguarda la morte di suo padre, Mitchell Siegel, perito durante una rapina dentro il suo negozio di vestiti di seconda mano, la sera del 2 giugno 1932. I rapporti della polizia parlano chiaro, e menzionano il rumore di un colpo di arma da fuoco. Ma la causa della morte fu invece un infarto. Jerry non ha mai menzionato l'incidente a nessuno, ma è difficile credere che le circostanze della morte di suo padre in simili circostanze, non abbiano avuto alcuna influenza sulla sua creazione di un eroe quasi invulnerabile che rideva di fronte al pericolo e balzava in soccorso ogni volta che sentito grida di aiuto. Ma questa più che una Origine, mi sembra quasi un antigenesi del Supereroe per come lo conosciamo…Siegel comunque non avrà mai modo di parlare della faccenda…Attenendoci ai fatti, dopo averlo generato Siegel e Shuster tentarono di vendere la loro nuova versione migliorata di Superman a vari editori, ma furono respinti parecchie volte. Varie le motivazioni. Un redattore disse che: "Il problema con questo, ‘ragazzo’, è che è troppo eccezionale. Nessuno ci crederebbe." Altri editori li liquidarono dicendo che il lavoro era troppo immaturo, e altri ancora che semplicemente non aveva alcun appeal per il pubblico.

Nell’estate del ‘35 fu invece il Maggiore Malcolm Wheeler-Nicholson che contattò loro. Il Maggiore era un uomo del secolo precedente, nato alla fine della guerra di secessione, e che nel suo trascorso aveva visto realmente cose che noi umani possiamo soltanto immaginare. A sentir parlare lui, al posto di navi spaziali e raggi B, "inseguiva i banditi sul confine messicano, ha giocato a polo nelle Filippine, ha guidato un battaglione di fanteria contro i bolscevichi in Siberia , aiutato a raddrizzare gli affari dell'esercito in Francia e comandato la cavalleria della forza americana sul Reno". E il Maggiore non era uno che raccontava frottole, anzi, tendeva a sminuire i fatti.
Ma cosa c'entravano Siegel & Shuster con il Maggiore Wheeler-Nicholson vi starete chiedendo? Il Maggiore li assunse per un riempitivo disperatamente necessario sulla nuova veste di una rivista a fumetti che stava pubblicando. Si chiamava New Fun. Il Maggiore aveva fondato la Wheeler-Nicholson National, una casa editrice che di lì a poco sarebbe diventata National Comics e che avrebbe pubblicato Superman e Batman prima di chiamarsi definitivamente Dc Comics. Così, nell’ottobre del 1935, su New Fun Comics #06, vengono pubblicati i primi due lavori ufficiali di Siegel & Shuster per una casa editrice. I personaggi erano quelli di Henri Duval di Francia, famoso soldato di fortuna, e del Dottor Occult, il Ghost Detective.

Furono i primi di una serie di fumetti che Siegel e Shuster avrebbero scritto per varie riviste a fumetti pubblicate dal maggiore Wheeler-Nicholson. A questi seguirono "Slam Bradley" (1937), "Federal Men" (1936), "Spy" (1937) e "Calling All Cars: Sandy Kean e la squadra radio" (1936). Le idee alla base di queste serie venivano dal Maggiore piuttosto che da Siegel & Shuster. Poi accadde qualcosa che sembrava un sogno diventato realtà: il Maggiore espresse interesse per "Superman". Voleva pubblicarlo, ma Siegel & Shuster stavolta non acconsentirono.

Il Maggiore stava avendo difficoltà finanziarie così gravi che ci sono stati momenti in cui non era nemmeno in grado di pagare i suoi artisti. Era abbastanza chiaro che mettere Superman nella barca che affondava del Maggiore sarebbe stato poco saggio. E non fu un caso isolato; Siegel e Shuster rifiutarono diversi editori interessati ma poco promettenti nel corso degli anni.

Altro dal 1935